Cooperazione internazionale

Oggi siamo andati a incontrare i ragazzi di strada di Mtindwa, a Nairobi

Come si organizza un carnevale per le strade di Nairobi e si coinvolgono i ragazzi di strada? Il nuovo editoriale dell’associazione Cherimus.

Mtindwa è il nome di una zona a est di Nairobi. Oggi ci siamo stati per incontrare i ragazzi che si ritrovano lì, che vivono lì. Non sapevo bene cosa aspettarmi: li avevamo incontrati una settimana prima, durante un giro esplorativo in cui cominciare a individuare i gruppi con cui avremmo potuto immaginare il carnevale.

carnival nairobi
Si ritaglia una foresta danzante © Cherimus

Fin da subito ci era sembrato che i ragazzi di Mtindwa avessero un gran desiderio di partecipare a questo progetto. Probabilmente le parole di Jack, l’educatore che loro già conoscevano e che ci accompagnava in questa perlustrazione, li avevano incuriositi. È difficile descrivere quanta aspettativa e speranza si leggeva nei loro occhi man mano che il racconto di Jack prendeva forma.

Leggi tutti gli articoli sul progetto Carnival! Nairobi

Non sapevamo, in quel momento, se quel gruppo di ragazzi sarebbe stato scelto per far parte del progetto, ma io sotto sotto ci speravo.

E invece proprio da lì siamo partiti.

Lascio Kivuli, il centro dell’associazione Amani che ci ospita, in preda a mille dubbi. Chissà se troveremo gli stessi ragazzi della volta prima. Chissà se accetteranno di mettersi in gioco con noi. Chissà se verranno. Chissà dove ci metteremo (è appena cominciata la stagione delle piogge).

carnival nairobi cherimus
Ragazzi della base di Mtindwa, abbozzano le prime forme di Carnival! Nairobi © Cherimus

Appena arrivati vediamo subito che i ragazzi ci sono, e sono tanti. Jack e Collins, l’altro educatore, ci introducono. Noi ci presentiamo. I ragazzi ci accompagnano in un campo. Un campo giallo pallido, a fianco del rifugio fatto di quattro tronchi e una tettoia di lamiera, che è la loro casa. Quello sarà il nostro spazio. È allora che succede una specie di miracolo, quando tiriamo fuori un rotolone di carta che svolgiamo per terra, diamo ad ognuno una matita e dei colori e chiediamo: disegnate quel che volete.

carnival nairobi cherimus
Si inventano insieme carri e sfilate su un lungo rotolo di carta © Cherimus

All’istante, ragazzi di tutte le età si stendono giù e cominciano a riempire quel foglio lunghissimo. La carta si popola in pochissimo tempo dei loro sogni: disegni piccoli, grandi, a matita o colorati. Matatu, case, strani personaggi, elicotteri, ragazze. Appare un ritratto di famiglia, in cui la famiglia sono i compagni di strada.

Un disegno realizzato dai ragazzi di Mtindwa © Cherimus
Un disegno realizzato dai ragazzi di Mtindwa © Cherimus

Una parola compare più volte, come a dare un ritmo a questo disegno speciale: Gaza. È questo il nome che hanno scelto per sé, che riassume il conflitto, l’orgoglio, la precarietà. Sono i ragazzi di Gaza che ci hanno accolto, e che noi stiamo cominciando a conoscere.

Articoli correlati
Un terremoto nel terremoto

Emergency continua a offrire supporto psicologico e assistenza infermieristica alla popolazione del centro Italia colpita dal sisma nel 2016, dove oggi il restare a casa diventa qualcosa di estremamente complesso.