Nuova Zelanda, un Maori è leader del partito conservatore per la prima volta

Potrebbe diventare premier, incarico mai rivestito da un indigeno: Simon Bridges, Maori orgoglioso ma conservatore convinto, ha davanti a sé un’opportunità unica per riscattare il suo popolo.

È il primo Maori a diventare leader del principale partito conservatore della Nuova Zelanda. Si chiama Simon Bridges, ha 41 anni e prima di essere eletto parlamentare nel 2008 faceva l’avvocato e il procuratore. Ha un’opportunità incredibile: quella di diventare il primo premier maori della Nuova Zelanda. Per riuscirci, dovrà vincere le elezioni del 2020.

Leggi anche: Un gruppo metal di teenager sta salvando la cultura maori in Nuova Zelanda

Nuova Zelanda Maori Simon Bridges partito conservatore
Simon Bridges e l’allora ministro degli Affari Maori Pita Sharples eseguono il tradizionale saluto Maori © Hagen Hopkins/Getty Images

“Sono fiero di essere maori”… 

Nessun indigeno è stato eletto leader di un partito maggioritario prima d’ora. La Nuova Zelanda ha avuto tre primi ministri donne, attualmente è governata da Jacinda Ardern del Partito laburista, ma l’incarico non è mai stato ricoperto da un Maori. Eppure costituiscono il 15 per cento della popolazione neozelandese e hanno colonizzato il paese centinaia di anni prima dell’arrivo degli europei. Simon Bridges si è detto orgoglioso della sua etnia e intende portare una ventata d’aria fresca nel partito: il National party ha governato per nove anni, fino a settembre del 2017.

…“E spero che i Maori siano fieri di me”

“Il mio desiderio è quello di assicurare che la Nuova Zelanda continui a essere un luogo di grandi opportunità e aspirazioni per tutti”, ha dichiarato Bridges. “Sono davvero entusiasta dell’occasione che ho. Spero che i Maori siano fieri di me”. Anche Paula Bennet, scelta come vicepresidente del partito, è indigena. Dopo che al fiume Whanganui e al monte Taranaki sono stati riconosciuti gli stessi diritti di un essere umano a causa della loro sacralità nella cultura maori, questa è un’altra vittoria importante per il popolo.

Chi è Simon Bridges e qual è la sua opportunità

Simon Bridges si è definito “un conservatore compassionevole”. Nato a Auckland, è stato ministro dell’Energia, si è occupato delle questioni legate ai cambiamenti climatici e si è battuto per la tutela del benessere animale. Si è dichiarato contrario all’eutanasia e nel 2013 ha votato contro la legalizzazione dei matrimoni gay, ma il decreto è stato approvato comunque e Bridges ha confermato che sta funzionando bene. Le sue scelte politiche potrebbero dipendere dal fatto che il padre fosse un pastore battista.

Se nel 2020 Bridges diventasse premier si tratterebbe di un momento storico non solo per la Nuova Zelanda, che sta riscoprendo sempre di più i valori della cultura indigena, ma per il mondo intero. E sarebbe anche un simbolo di riscatto per tutti i popoli che hanno dovuto subire oppressioni e soprusi.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,