Schefflera: tutto da sapere sulla cura della pianta

Pianta tropicale che risulta essere particolarmente accomodante, tanto da riuscire bene anche come bonsai. Dalle diverse tonalità.

“L’estate sta finendo…”, recitava un famoso disco anni ’80. Perché non prolungarla ospitando nelle nostre case o negli uffici una pianta tropicale, particolarmente viva nelle tonalità di verde, pronta a ricordarci magari qualche sperduta isola caraibica?

Che cos’è la schefflera

Originaria dei tropici è una pianta appartenente alla famiglia delle rampicanti, che include arbusti e perfino le liane.Cresce comunque spontanea anche nelle zone a clima mite. Possiede la peculiarità di poter essere cresciuta anche come bonsai: la si può potare senza problemi, tanto se in salute, emetterà nuovi getti all’apice. Ripetendo la potatura parziale, si otterrà la forma bonsai preferita.

schefflera-doccia
La curiosità di questa rampicante è che ama moltissimo fare la doccia! La si può portare con noi mentre facciamo un bagno… Un trattamento di belezza che potrebbe ricambiarci con fioriture inaspettate, difficili da riprodurre altrimenti in casa. ©Ingimage

Come prendersi cura della schefflera

La schefflera predilige i luoghi caldi e luminosi e sopporta molto bene l’esposizione al pieno sole. La si cura con innaffiature regolari, controllando che non ristagni l’acqua per troppi giorni. L’ideale è pulire le foglie dalla polvere che si deposita durante la settimana.

Articoli correlati