“Il denaro è polvere, la terra è per sempre”, ecco come si rifiuta un miliardo di dollari

L’impianto per la produzione di gas naturale liquefatto Pacific Northwest sarà costruito nelle terre indigene canadesi. I Lax Kw’alaams rifiutano il risarcimento di un miliardo di dollari offerto da Petronas.

I Lax Kw’alaams vivono vicino al confine tra Canada e Alaska, nella parte settentrionale della provincia della Columbia Britannica. Questa comunità indigena ha suscitato l’attenzione perché ha deciso di rifiutare un’offerta di un miliardo di dollari canadesi e l’equivalente di 108 milioni di dollari in terre, ovvero 320mila dollari per ciascun membro del gruppo, in cambio della costruzione di un impianto per l’esportazione di gas naturale liquefatto (Gnl) nel loro territorio.

Majestic Snowcapped Mountains
Le montagne Majestic innevate

Il rifiuto alla Pacific Northwest

Il progetto del gruppo Pacific Northwest Lng (Pnw Lng) è un piano da 11,4 miliardi di dollari che prevede la costruzione di una struttura in cui il gas naturale, trasportato attraverso 950 chilometri di gasdotti, sarà trasformato in gas naturale liquido e trasportato in Asia via mare. La struttura sarebbe situata sull’isola Lelu e sul Flora Bank (un banco di sabbia visibile durante la bassa marea), nell’estuario del fiume Skeena, zone che i Lax Kw’alaams rivendicano come indigene. Ciò, secondo la legge canadese, comporta che il gigante del gas Petronas, proprietario di maggioranza del gruppo Pacific Northwest Lng, avvii consultazioni con la comunità indigena.

Il fiume Skeena è la casa ancestrale dei Lax Kw’alaams, comunità composta da circa 3.600 membri che vivono in diversi luoghi della Columbia Britannica. All’interno di questo territorio, la comunità indigena ha accesso esclusivo alle risorse naturali, basandosi principalmente sulle attività ittiche per l’economia attuale, così come accadeva in quella tradizionale. Il fiume Skeena, infatti, è il secondo fiume della provincia per la produzione di salmone.

northwest pacific indigeni
Le temperature ghiacciate continuano a colpire il paese

I Lax Kw’alaams hanno rifiutato all’unanimità un risarcimento di un miliardo di dollari canadesi per la costruzione dell’impianto Gnl in tre voti separati, dopo essere stati coinvolti nella revisione dell’impatto ambientale del progetto per quattro anni. La comunità indigena ha quindi esercitato il proprio diritto di consenso libero e informato, sancito dall’articolo 10 della Dichiarazione dei diritti dei popoli indigeni delle Nazioni Unite. La comunità ha infatti specificato in un comunicato stampa:

Il consenso unanime della comunità contro un progetto per cui viene fatta un’offerta di oltre un miliardo di dollari trasmette il messaggio che non si tratta di una questione di denaro: bensì ambientale e culturale.

La proposta è stata bocciata in quanto i Lax Kw’alaams sarebbero stati esclusi dall’isola Lelu, dove ricavano piante e medicine tradizionali. Il ponte sospeso che collegherebbe l’isola Lelu e il Flora Bank, le tratte di 350 navi all’anno che trasportano Gnl e i 120 chilometri di gasdotti in mare comprometterebbero le risorse marine, tra cui salmone, granchi, scorfani, halibut, aringhe e alghe. Risorse che i Lax Kw’alaams, per la legge tradizionale, sono destinati a proteggere per le generazioni future.

La consultazione per il progetto è stata effettuata con cinque gruppi indigeni. Di questi, i Lax Kw’alaams sono gli unici ad aver rifiutato un accordo per il presente, rimanendo però aperti a trovare una soluzione in futuro. Nel frattempo, il governo provinciale ha rinnovato il proprio impegno nel progetto, firmando un accordo con il gruppo Pacific Northwest Lng, uno dei 19 progetti per il gas naturale liquefatto nella Columbia Britannica. Tuttavia, l’approvazione finale spetta alla Canadian environmental assessment agency, la cui decisione è prevista per l’autunno.

totem indigeni
Un totem indigeno

Il grande capo Stewart Phillip ha affermato al quotidiano canadese Globe and Mail che “i nostri anziani ci ricordano che il denaro è come la polvere che viene soffiata via velocemente dal vento, mentre la terra è per sempre”. La lotta dei Lax Kw’alaams non è solo una questione di diritti delle popolazioni indigene. Si tratta di una comunità che non vuole sacrificare i propri luoghi per gli interessi delle multinazionali.

Tradotto da

Articoli correlati