Protocollo di Kyoto: le tappe dello storico accordo

Dai primi allarmi alle grandi conferenze mondiali, ecco come si è arrivati al protocollo di Kyoto, l’accordo sui gas climalteranti.

Questi impegni, giuridicamente vincolanti, produrranno una reversione storica della tendenza ascendente delle emissioni che i Paesi hanno da circa 150 anni” si legge nel Preambolo al testo ufficiale del Protocollo di Kyoto. Ecco come si è giunti allo storico traguardo.

Articoli correlati
CO2 Italia, si avvicina l’esame finale

Il primo accordo ‘taglia-CO2’ del mondo festeggia il suo settimo anniversario dall’entrata in vigore, il 16 febbraio del 2005, e si avvicina l’esame di “fine Kyoto” per Europa e Italia. Il tema caldo dell’accordo, quello della riduzione delle emissioni di gas serra e quindi dei consumi energetici, è sempre sotto i riflettori anche in Italia, alle prese con l’emergenza freddo e la sua dipendenza energetica dall’estero.

Ricomincio da Kyoto

Il 16 febbraio di sette anni fa il primo (e finora unico) trattato per salvare il clima entrava in vigore. Quest’anno i suoi vincoli scadono. Ma il Protocollo di Kyoto non finisce qui.

Il mappamondo dopo Durban

L’appuntamento con la conferenza sul clima di Durban ha scombinato ulteriormente le carte sul tavolo creando un “mappamondo climatico” inedito. Proviamo a mettere un po’ di ordine.

Sono stati isola

Siamo tante piccole voci, ma tutte insieme facciamo rumore, molto rumore. E il tempo rimasto per darci una risposta è poco, molto poco. Questa l’immagine fotografata dai presidenti dei piccoli stati isola nel corso dell’ultima Assemblea generale dell’Onu che si è svolta a New York.

Diplomazia a Impatto Zero

Per celebrare l’anniversario del Protocollo di Kyoto, nel 2011 l’Ambasciatore del Costa Rica in Italia e LifeGate regalano a tutte le ambasciate italiane il calcolo delle emissioni di CO2 generate dalle proprie attività.