Simone Perrotti – Adesso basta

Lavorare per consumare non rende felici. Come uscirne? Filosofia e strategia di chi ce l’ha fatta. Presentazione del libro “Adesso Basta” di Simone Perrotti.

Simone Perrotti – Adesso basta


“Finora abbiamo pensato che ci sia solo un modo di guadagnare soldi
e lavorare, cioè il nostro. Non è così.” p.
130

“Pare che a Milano si consumino circa 700.000 pastiglie di
ansiolitici all’anno. Uno su due residenti ne farebbe uso. Le
droghe non sono censite, ma se le aggiungiamo ai farmaci il quadro
è chiaro.” p. 106

“Il paniere dell’Istat indica qualcosa che non è la mia
vita. L’Istat non sa chi sono… Voglio un paniere in cui la roba
dentro ce la metto io, e poi mi calcolo da solo quel che vale. E la
mia inflazione sarà senz’altro inferiore a quella
ufficiale.” p. 172

“Per l’avvio della vostra nuova vita avrete bisogno di un buon
avvocato. Vi dirà cosa fare, come tutelarvi in anticipo,
cosa aspettarvi. La strategia iniziale vale il 50 per cento
dell’azione. Questa per la libertà, non è una
scampagnata per buontemponi. È una guerra.” p. 179

“Per un bel po’ di anni dovremo costruire le condizioni per il
triplice processo di: Abbattimento dei costi d’esercizio della
nostra vita. Aumento del livello di risparmio. Creazione delle
condizioni economiche necessarie a smettere col nostro lavoro
tradizionale.” p. 123

Simone Perotti (www.simoneperotti.com), 43 anni,
vive tra Milano, La Spezia e il mare.

Ha pubblicato ZENZERO E NUVOLE (Theoria 1995, Bompiani 2004) e
STOJAN DECU, L’ALTRO UOMO (Bompiani 2005, Premio Volpe d’oro nello
stesso anno), L’ESTATE DEL DISINCANTO (Bompiani 2008), VELE (White
Star 2008).

Ha creato il primo magazine d’informazione editoriale nautica on
line www.sailbook.info

Dopo aver fatto il manager per diciannove anni, ha lasciato
tutto e oggi si dedica interamente a scrivere e navigare, e a
qualche altro lavoro occasionale.

Articoli correlati