Sudafrica al voto a 25 anni dalla fine dell’apartheid

Nonostante un sensibile calo, l’Anc, partito del presidente Cyril Ramaphosa, dovrebbe mantenere la maggioranza alle elezioni legislative in Sudafrica.

Mercoledì 8 maggio i cittadini del Sudafrica votano per le elezioni legislative e provinciali. Si tratta di uno scrutinio particolarmente importante, dal momento che il presidente sarà in seguito scelto dal nuovo Parlamento. La tornata, inoltre, si tiene nel 25esimo anniversario dalla fine dell’apartheid, il regime che dal 1948 al 1994 ha previsto uno “sviluppo separato” della nazione. Effettuato sulla base di criteri razziali ed etnici.

Il Congresso Nazionale Africano dovrebbe mantenere il potere

Dopo un quarto di secolo, l’African National Congress (Anc), il partito dell’ex presidente Nelson Mandela, simbolo della liberazione dei neri del Sudafrica, è dato ancora per favorito. Dovrebbe riuscire a mantenere infatti la maggioranza parlamentare. E, con essa, l’attuale capo di stato Cyril Ramaphosa conta di poter restare al proprio posto.

sudafrica elezioni
Una scheda elettorale del 1994, quando alla presidenza del Sudafrica venne eletto Nelson Mandela © Leon Neal/Getty Images

Ma la strada per l’Anc, stavolta, appare in salita. Benché Ramaphosa ripeta di essere l’uomo del cambiamento, che rilancerà l’economia e lotterà contro la corruzione che ha caratterizzato il mandato del suo predecessore Jacob Zuma, il partito sconta una sensibile perdita di popolarità.

Leggi anche: La storia di Nelson Mandela, a cento anni dalla nascita

Secondo gli ultimi sondaggi, potrebbe ottenere circa il 10 per cento di voti in meno rispetto ai risultati delle elezioni precedenti, tenute nel 2014. E potrebbe perdere il controllo di una serie di province del Sudafrica.

Si prevede una crescita dei partiti di opposizione in Sudafrica

Ciò soprattutto se i due principali partiti di opposizione dovessero decidere di allearsi a tale scopo. Il più grande, numericamente, è l’Alleanza democratica, formazione liberale sostenuta dalla minoranza bianca (ma che si presenta come multirazziale ed è diretta per la prima volta da un leader nero, Mmsusi Maimane). Ad essa potrebbe andare parte dei voti della classe media nera delusa dall’Anc. Le critiche a quest’ultimo sono inoltre legate al fatto che Ramaphosa – nonostante la cesura rispetto a Zuma – lavori ancora assieme a numerosi uomini dell’ex-presidente.

Ma i pericoli per l’Anc arrivano anche dai Combattenti per la libertà economica (Eff). Si tratta di un partito di sinistra radicale, il cui leader, Julius Malema si presenta come difensore dei più poveri e chiede una forte redistribuzione della ricchezza nel paese. Così come delle terre, ancora oggi in larga parte di proprietà dei bianchi. L’Eff dovrebbe raccogliere voti soprattutto tra i giovani, e superare il 10%. Il che significherebbe raddoppiare i suffragi rispetto a cinque anni fa.

Articoli correlati