Tre borse di studio per start­up provenienti dalle zone terremotate

Unreasonable Lab Italy, il programma di accelerazione per startup sociali, lancia tre borse di studio da destinare a start­up provenienti dalle zone terremotate o per la gestione delle crisi.

Dal 24 al 28 ottobre a Milano si svolge Unreasonable Lab Italy, in partnership con Become e U­Start. Unreasonable Lab Italy è un programma di accelerazione di cinque giorni che offre supporto concreto a imprenditori sociali per identificare, pianificare e dare esecuzione a strategie efficaci e credibili di raccolta di fondi, raccogliere feedback e migliorare la propria strategia imprenditoriale di startupper.

Unreasonable Lab Italy per le aree terremotate

[vimeo url=”https://vimeo.com/153194540″]

L’edizione italiana del programma Unreasonable Institute USA, oltre a offrire supporto a una decina di startup selezionate, ha deciso di dare il proprio contributo per rimettere in moto le zone terremotate, stanziando tre borse di studio per startup provenienti dall’area colpita dal sisma o volte alla gestione delle crisi.

Le candidature chiuderanno il 30 settembre e le proposte dovranno appartenere a uno dei seguenti settori: smart building, smart home technologies, energie rinnovabili off­grid, dispositivi medicali/diagnostici portatili, gaming/e­learning per i bambini in difficoltà.

L’accelerazione targata Unreasonable Lab

La mappa evidenzia i Paesi nel mondo dove sono presenti i programmi Unreasonable Lab
I programmi Unreasonable Lab sono presenti in 29 Paesi nel mondo.

I programmi di accelerazione Unreasonable nascono negli Stati Uniti nel 2008 con l’intento di supportare l’intero processo imprenditoriale basato su idee innovative dall’alto impatto sociale o ambientale.

Ad oggi, i programmi Unreasonable sono presenti in 29 Paesi del mondo e vantano risultati unici nel panorama degli acceleratori: il 93% delle imprese che vi hanno partecipato sono riuscite a ottenere finanziamenti.

Unreasonable Lab per un fundraising efficace

Il fundraising è, senza dubbio, una delle fasi più difficili del lancio di una nuova impresa perché non sempre i nuovi imprenditori sono consapevoli del complesso processo di pianificazione che sta alla base di una raccolta fondi efficace.

Per questo, l’Unreasonable Lab milanese si concentrerà proprio sul cosiddetto Investment Preparedness: attraverso momenti teorici e pratici e grazie alla guida dei mentor, i progetti selezionati acquisiranno le competenze necessarie per affrontare processi di misurazione dell’impatto della propria idea, di pianificazione strategica del progetto e del piano di fundraising, di impostazione delle metriche finanziarie nonché di gestione delle relazioni con gli investitori stessi.

Per partecipare alla callqui il modulo per candidarsi. Perché tutti possono essere imprenditori, senza neppure sapere di esserlo.

Immagine di copertina: Tegu Ravilochan, CEO e co-founder di Unreasonable Lab e Institute. Foto by Cyrus McCrimmon/The Denver Post via Getty Images.

Articoli correlati