L’Italia è prima nel mondo per influenza culturale secondo US news & world report

Lo dice lo U.S. News & World Report: l’Italia è il paese migliore al mondo per patrimonio culturale. Ma non solo: è anche un’ottima meta per viaggiare da soli. Buone notizie.

L’Italia sale sul podio in un’ambito che da sempre garantisce al nostro paese l’eccellenza rispetto agli altri: secondo la classifica Best countries 2017 di US news & world report, è prima al mondo per influenza ed eredità culturale. Un risultato che ribadisce, se ce ne fosse bisogno, che la percezione che all’estero si ha del nostro paese è di segno largamente positivo – mentre noi italiani tendiamo spesso a focalizzarci solo sugli aspetti negativi. La cultura quindi come peculiarità ed eccellenza del nostro paese.

US news and world report
Nella classifica di US news & world report, l’Italia è risultata prima per influenza e patrimonio culturale

La classifica US news & world report

L’editore US news & world report insieme alla Wharton school dell’Università del Pennsylvania e la società di consulenza Bav Consulting ha pubblicato il Best countries ranking, una classifica dei paesi del mondo basata sull’opinione che ne hanno proprio le persone che li abitano. La classifica è il risultato di un sondaggio somministrato a 21mila persone da ogni parte del globo, divise in tre gruppi specifici: persone che si auto definiscono appartenenti alla fascia sociale media o alta, che hanno frequentato l’università e si informano con regolarità; persone con un ruolo di importanza economica; e adulti che non appartengono ai precedenti gruppi.

La metodologia utilizzata per stilare la classifica ha previsto la definizione di 65 caratteristiche che possono descrivere una nazione, è stato chiesto agli intervistati di associare ognuno dei 65 attributi a ciascun paese. Queste 65 “qualità” sono state poi categorizzate in nove gruppi: avventura, cittadinanza, influenza culturale, iniziativa imprenditoriale, patrimonio culturale, vivacità economica, apertura agli affari, potere e qualità della vita. Ognuno di questi nove gruppi ha generato una classifica dei paesi del mondo basata sui risultati del sondaggio. Da qui il secondo passo è stato assegnare un peso percentuale a ciascun gruppo basato sull’importanza di quel settore per l’economia di un paese, estrapolando infine una classifica complessiva delle nazioni.

Una metodologia interessante – spiegata perfettamente qui – che ha portato a una classifica generale di cui vi riportiamo le prime 20 posizioni. L’Italia è sedicesima ma ha un primato nella cultura e il secondo posto nella categoria, quella dei migliori paesi dove viaggiare da soli.

  1. Svizzera
  2. Canada
  3. Regno Unito
  4. Germania
  5. Giappone
  6. Svezia
  7. Stati Uniti
  8. Australia
  9. Francia
  10. Norvegia
  11. Paesi Bassi
  12. Danimarca
  13. Finlandia
  14. Nuova Zelanda
  15. Singapore
  16. Italia
  17. Lussemburgo
  18. Austria
  19. Spagna
  20. Cina

L’Italia è uno dei migliori paesi dove viaggiare soli

Il primato italiano nelle categorie “culturali” ci stupisce poco: per gli intervistati siamo una meta turistica ideale e la nostra influenza culturale, da Leonardo da Vinci sino alle case di moda di Milano, è sempre stata profonda. Interessante è invece leggere cosa dicono di noi sul sito US news & world report in merito all’ambito finanziario: la nostra economia è divisa in due, quella del nord più sviluppata e quella del sud che arranca, afflitta qui più che altrove dalla criminalità organizzata e la corruzione. Agli occhi degli intervistati il rallentamento della crescita economica e l’alta disoccupazione giovanile e femminile rimangono le grandi preoccupazioni del paese.

Leggi anche: Io viaggio sola e mi piace

Un risultato inaspettato emerso dall’indagine è che l’Italia è risultata essere il secondo miglior paese dove viaggiare soli. Una buona notizia vista la tendenza sempre più diffusa a fare vacanze senza amici, fidanzati o parenti di cui avevamo già parlato qui, sottolineando quanto siano in aumento soprattutto le viaggiatrici donne. Essere percepiti come un paese sicuro, ospitale e accogliente potrebbe sviluppare un nuovo tipo di turismo e un’attenzione maggiore per queste categorie di viaggiatori.

Articoli correlati