Visioni di saggezza, il libro di Lama Gangchen

“Visioni di saggezza”. Il libro contiene le risposte del maestro tibetano per una vita migliore. Con il libro si finanziano progetti in Tibet, Nepal e India

“Questo libro è un oracolo di saggezza. Ci darà le riposte appropriate per prendere decisioni, avere nuove idee, superare situazioni difficili, trasformate la tristezza in pace, la paura in perseveranza e il dubbio in fiducia in se stessi”.

Sono le parole di Lama Gangchen, lama guaritore, discepolo di alcuni dei più importanti Lama della tradizione Ghelupa. Da vent’anni in Europa e da più di 10 in Italia, ha aperto più di 100 centri per l’educazione della pace interiore e gruppi di studio in tutto il mondo.

Visioni di saggezza, il libro  promuove e sostiene progetti umanitari in Tibet. Nepal e India: costruzione di strade, scuole e acquedotti. Nel libro si trovano più di 300 pagine di immagini e 150 aforismi. Eccone un piccolo estratto:

La pace interiore è nelle nostre mani. Dobbiamo solo scegliere se seguire i buoni sentimenti o rimanere intrappolati in quelli negativi.

Non giudicare le azioni di qualcuno senza conoscere le sue vere motivazioni.

Far sorridere gli altri è un modo di accrescere la propria energia positiva.

A volte non si è in grado di riconoscere la propria aggressività perché si è troppo occupati ad avere ragione.

Non avere paura di assumerti al responsabilità della tua felicità.

L’amore e la gioia hanno un profondo potere di guarigione sulla mente.

Crea spazio interiore e i problemi non potranno mai riempirlo.

Evidenzia le qualità positive quando parli di qualcuno. Ogni giorno puoi scegliere se essere felice e in pace oppure triste e arrabbiato.

Non cercare di cambiare la tua vita, cambia il tuo atteggiamento verso la vita.

Nella tua mente c’è abbastanza spazio per trovare nuove soluzioni.

La felicità è dentro di noi. Se guardiamo nella direzione sbagliata non possiamo vederla.

 

Articoli correlati
Tiziano Terzani: lettere contro la guerra

Tiziano Terzani scriveva questo libro tra 2001 e 2002, immediatamente dopo l’attacco alle Torri Gemelle. Ricordiamo il suo lungo pellegrinaggio di pace che non smette mai di essere attuale.