Il video che ti fa capire che l’amore è universale

L’amore è universale, sono le apparenze a farci pensare il contrario. Questa pubblicità progresso dalla lacrima facile rivela la diffidenza nascosta in noi.

L’amore non conosce genere o colore, non conosce handicap o disabilità. Non conosce età. L’amore è universale e trasversale. È questo il messaggio del video realizzato da Ad Council, un’organizzazione americana che si occupa della produzione e distribuzione di pubblicità con messaggi a sfondo sociale, le nostre pubblicità progresso.

 

Questa che avete appena visto è stata girata il 14 febbraio 2015, giorno di San Valentino, festa degli innamorati, per dimostrare che l’amore non conosce confini. Dietro a un pannello a raggi X montato in mezzo a una strada frequentata, si vedono gli scheletri di due persone abbracciarsi, baciarsi, giocare. È nel momento in cui escono allo scoperto che gli spettatori inconsapevoli rimangono stupiti perché si trovano davanti coppie di gay, lesbiche, uomini di diverse religioni, persone portatrici di handicap.

 

love-zoom

 

La reazione di stupore, forse, nasconde una forma di diffidenza, di razzismo inconsapevole. Lo stesso che spesso si percepisce quando una persona gay, lesbica, musulmana o ebrea, nera o bianca, cerca lavoro o chiede un prestito in banca, si presenta a un appuntamento per affittare un appartamento.

 

La campagna si chiama The love has no labels, l’amore non ha etichette, ma il suo messaggio ti si attacca addosso.

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.

Fukushima, piantando i semi della rinascita

Abbiamo visitato Fukushima per parlare con chi sta lavorando per ricostruire la propria vita dopo il disastro dell’11 marzo 2011. Queste sono le loro storie, in un video reportage prodotto da LifeGate.