Argentina, un incendio brucia 10mila ettari di foresta in Patagonia

Un incendio è divampato domenica 24 gennaio nella Patagonia argentina e si è propagato velocemente, alimentato da siccità, caldo e venti sostenuti.

Dopo quelli che nel corso del 2020 hanno devastato l’Australia e il territorio occidentale degli Stati Uniti, nuovi grandi incendi preoccupano nel mondo. Stavolta, ad essere colpita è la porzione meridionale dell’Argentina: la Patagonia. E complessivamente sono stati bruciati già più di 10mila ettari di foresta.

Il rogo in Argentina è divampato a 1.700 chilometri da Buenos Aires

Un imponente rogo è divampato nella giornata di domenica 24 gennaio nei pressi di El Bolson, città di 18mila abitanti nella provincia di Rio Negro. A circa 1.700 chilometri dalla capitale argentina Buenos Aires.

Le fiamme si sono propagate in modo particolarmente rapido: “Già mercoledì l’incendio era penetrato in un’altra provincia: quella del Chubut”, ha dichiarato all’agenzia Afp. il direttore della protezione civile locale, Leandro Romairon.

Alberto Fernandez, presidente dell'Argentina
Il presidente dell’Argentina Alberto Fernández © Ricardo Ceppi/Getty Images)

Condizioni meteorologiche sfavorevoli alimentano l’incendio

Per tentare di fronteggiare il rogo, le autorità hanno dispiegato sul posto un centinaio di pompieri, due canadair, due elicotteri e decine di veicoli. Il territorio è però remoto e di difficile accesso, il che rende il lavoro dei vigili del fuoco complicato. A peggiorare la situazione sono poi le condizioni meteorologiche, con venti sostenuti e un terreno particolarmente secco per via di un periodo di forte siccità. Senza dimenticare le temperature elevate, dovute all’estate australe.

Le precipitazioni sono inoltre brevi e non sufficienti a contenere la progressione dell’incendio. L’unico dato positivo è legato alla scarsa presenza di centri urbani abitati nella zona, il che ha scongiurato – almeno per ora – la necessità di procedere ad evacuazioni. Si registrano però già quattro feriti tra i pompieri al lavoro in Argentina, che sono stati ricoverati in ospedale.

Articoli correlati