Popoli indigeni

Australia, 10.000 dromedari verranno uccisi “perché bevono troppo”

Come se i fuochi che stanno bruciando l’Australia non stessero già decimando la fauna locale, il paese eliminerà 10.000 fra dromedari e cavalli selvatici perché bevono troppa acqua.

Negli ultimi giorni non si fa che parlare dell’Australia e della tremenda tragedia ambientale che si sta consumando nel paese. Milioni di animali hanno perso la vita negli incendi che da oltre quattro mesi lo stanno dilaniando e molti sono ancora a rischio dato che la situazione non accenna a migliorare.

La salvaguardia della fauna locale è diventata una priorità per le autorità che stanno facendo di tutto per proteggere quante più specie possibile. O almeno così dovrebbero.

Se da un lato le immagini dei koala vittime delle fiamme stanno facendo il giro del mondo contribuendo a raccogliere fondi per implementare azioni di conservazione, dall’altro c’è una specie che non gode della stessa attenzione. Stiamo parlando dei dromedari.

Leggi anche: Incendi in Australia. Estensione, gravità e conseguenze di un dramma ambientale

dromedari in australia
L’Australia vuole abbattere 10.000 dromedari © Lisa Maree Williams / Getty Images

Perché l’Australia vuole uccidere i suoi dromedari

Il governo ha deciso di eliminare 10mila esemplari tra dromedari e cavalli selvatici perché “bevono troppa acqua, togliendola alle comunità locali”, ha spiegato il dipartimento australiano dell’Ambiente e dell’acqua che condurrà l’operazione insieme all’associazione indigena 10 desert project.

A partire da giovedì 9 gennaio per cinque giorni, una squadra di cacciatori professionisti sarà incaricata di sparare agli animali nella zona dell’Anangu Pitjantjatjara Yankunytjatjara, meglio conosciuta come Apy e situata nel nord ovest dell’Australia Meridionale. Secondo il dipartimento, i dromedari “si stanno ammassando intorno alle risorse d’acqua potabile delle comunità locali, costituendo un rischio per la loro incolumità” e verranno dunque eliminati.

Leggi anche: Australia, gli incendi boschivi hanno provocato l’emissione di 250 milioni di tonnellate di CO2

dromedari in australia
I dromedari si stanno ammassando intorno alle risorse d’acqua potabile delle comunità locali, costituendo un rischio per la loro incolumità e verranno dunque eliminati © Lisa Maree Williams / Getty Images

La convivenza tra dromedari e comunità è sempre più difficile

Sono state le stesse comunità indigene che popolano le aree dell’Apy a chiedere al governo di procedere con l’abbattimento, affermando di non essere più in grado di gestire gli animali con cui condividono le terre. “Temiamo per l’incolumità dei nostri bambini. Loro si divertono ad inseguire i dromedari, ma la situazione sta diventando sempre più pericolosa”, spiega Marita Baker, membro del Consiglio d’amministrazione dell’Apy.


Il numero dei camelidi è aumentato negli anni e, a causa dell’estrema siccità che sta interessando l’Australia, si stanno spostando dalle zone che frequentano abitualmente, avvicinandosi ai centri abitati in cerca di acqua e distruggendo ciò che trovano sul loro cammino. “Hanno inquinato i corsi d’acqua, impedendo ai locali di berla”, ha dichiarato un portavoce del dipartimento ambientale.

Leggi anche: Australia, l’ondata di caldo anomalo batte ogni record

gruppo di dromedari in australia
A partire da giovedì 9 gennaio per cinque giorni, una squadra di cacciatori professionisti sarà incaricata di sparare agli animali nella zona dell’Apy © Lisa Maree Williams / Getty Images

Ancora una volta sono gli animali a pagarne le spese

Il dipartimento dell’Ambiente ha assicurato che durante le operazioni “verranno rispettati i migliori standard di benessere animale possibili”. Affermazione che lascia perplessi se si pensa che si tratterà di un vero e proprio tiro al bersaglio con i cacciatori che inseguiranno gli esemplari a bordo di elicotteri. È stata lanciata una petizione su Change.org per cercare di fermare la strage, ma le autorità sembrano decise a proseguire su questa linea.


Una misura simile era stata adottata per le medesime ragioni anche nel 2009 a Docker River, nel Territorio del Nord, e già allora le associazioni animaliste erano insorte per denunciare l’enorme stress e le sofferenze inflitte con questa modalità di abbattimento.

“Esistono soluzioni umane per ogni problema. Le autorità devono solamente essere abbastanza compassionevoli per sceglierle”, aveva dichiarato ai tempi un portavoce dell’associazione animalista Peta. Un’affermazione più che mai attuale.

Articoli correlati