Clima, educare i bambini aiuta anche i genitori

Un nuovo studio rileva che educare i bambini sui pericoli rappresentati dai cambiamenti climatici aumenta le preoccupazioni dei loro genitori circa l’emergenza ambientale.

Bambini e ragazzi hanno una crescente, e per certi versi sorprendente, consapevolezza della minaccia che i cambiamenti climatici rappresentano per la nostra specie e per il loro futuro, come dimostrato in questi ultimi mesi dal movimento giovanile per il clima nato grazie alla lotta di Greta Thunberg. Questi ragazzi, se adeguatamente preparati, possono giocare un ruolo davvero importante nella lotta alla crisi ambientale poiché sarebbero in grado di influenzare le decisioni dei propri genitori. È quanto sostiene lo studio Children can foster climate change concern among their parents, pubblicato da un gruppo di sociologi ed ecologisti della North Carolina state university sulla rivista Nature Climate Change.

Marcia del movimento YouthStrike4Climate
Giovanissime manifestanti in occasione di una marcia di protesta nel Regno Unito per chiedere la governo azioni concrete per contrastare il riscaldamento globale © Chris J Ratcliffe/Getty Images

L’importanza dell’educazione ambientale

Secondo i ricercatori l’educazione ambientale nelle scuole, sul clima in particolare, è fondamentale per sensibilizzare i più giovani e, di riflesso, i loro genitori. “Esiste un vasto corpus di lavori che dimostrano che i bambini possono influenzare il comportamento e le posizioni dei genitori su questioni ambientali e sociali – ha affermato uno degli autori dello studio, Danielle Lawson – ma questo è il primo studio sperimentale che dimostra che l’educazione al clima rivolta i bambini aumenta la preoccupazione dei genitori circa i cambiamenti climatici”.

Leggi anche

Perché l’opinione dei bambini conta

Il fatto che i bambini riescano ad influenzare gli adulti si può spiegare grazie al banale adagio secondo cui i bambini sarebbero la voce della verità. La percezione dei cambiamenti climatici nei giovanissimi sarebbe particolarmente credibile poiché, a differenza degli adulti, sono meno suscettibili all’influenza della comune visione del mondo o del contesto politico. Proprio grazie al candore della loro visione i bambini sarebbero in grado di ispirare gli adulti e accrescere la loro preoccupazione verso la crisi climatica in corso, innescando un procedimento di apprendimento intergenerazionale.

L'attivista ambientale Greta Thunberg al parlamento britannico
Grazie a Greta Thunber parole come cambiamenti climatici, estinzione e emissioni sono entrate anche nel vocabolario dei più giovani, favorendo uno scambio intergenerazionale © Leon Neal/Getty Images

L’esempio di Greta

In fondo è quanto accaduto alla stessa Greta che ha convinto i propri genitori a ridurre il loro impatto ambientale (il padre è diventato vegetariano mentre la madre ha rinunciato all’aereo) e che da questo confronto ha tratto giovamento. “Ho mostrato ai miei genitori immagini, grafici e film, articoli e relazioni sui cambiamenti climatici e dopo un po’ hanno iniziato ad ascoltare quello che dicevo – ha raccontato l’adolescente svedese. – In quel momento mi sono resa conto che potevo fare la differenza”.

Leggi anche

I risultati dello studio

Per realizzare lo studio sperimentale i ricercatori hanno lavorato con 238 studenti, di età compresa tra i 10 e i 14 anni, e 292 genitori. A tutte queste persone è stato inizialmente sottoposto un test per misurare i loro livelli di preoccupazione riguardo ai cambiamenti climatici. Dopodiché alcuni di questi ragazzi (166) hanno seguito un corso sui cambiamenti climatici, mentre i restanti no. Lo studio ha evidenziato un aumento delle preoccupazioni di carattere ambientale in entrambi i gruppi, ma “molto più pronunciato nelle famiglie dei bambini che hanno seguito il corso”, ha detto Danielle Lawson.

I conservatori cambiano idea

L’indagine ha fornito altre indicazioni, è emerso, ad esempio, che la maggiore preoccupazione è stata espressa da tre particolari categorie: genitori conservatori, genitori di femmine e padri. Sono dati particolarmente interessanti dato che, solitamente, i conservatori e gli uomini sono in genere meno interessati ai cambiamenti climatici (genitori liberali e conservatori si sono ritrovati con simili livelli di preoccupazione entro la fine dello studio). I ricercatori hanno inoltre hanno scoperto che le figlie possano essere più efficaci dei figli maschi nell’influenzare le opinioni dei loro genitori.

Due bambini fanno i compiti aiutati dai loro genitori
“Questo studio ci dice che siamo in grado di educare i bambini sui cambiamenti climatici e che questi sono disposti a imparare, il che è eccitante perché secondo altri studi molti adulti sono resistenti all’educazione climatica perché contrasta con le loro identità personali”, ha affermato uno dei ricercatori che ha condotto lo studio © Ingimage

Una questione di istruzione

“L’educazione ai cambiamenti climatici consiste nel dare alle persone una buona base nelle scienze del clima e nella coltivazione della capacità di pensiero critico – ha spiegato Kathryn Stevenson, coautrice dello studio. – Riguarda l’istruzione, non l’attivismo, e i bambini sono grandi educatori”.

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.