Betacarotene: che cosa è, proprietà, dove trovarlo e quanto assumerne

Il betacarotene è un precursore della vitamina A. Favorisce l’abbronzatura omogenea e senza danni, proteggendo la pelle dai raggi solari.

Che cosa è il betacarotene

Pigmento vegetale giallo-arancione liposolubile, del gruppo dei carotenoidi, definito anche cromogeno. Il betacarotene è il precursore della vitamina A, ovvero la sostanza di origine vegetale che, quando l’organismo lo richiede, si trasforma in vitamina A.

Viene introdotto nell’organismo con gli alimenti di origine vegetale ed è poi trasformato in vitamina A negli intestini. La vitamina A gioca un ruolo importante nel processo visivo, nella formazione e nel mantenimento dei tessuti cutanei superficiali, delle mucose e dei tessuti cartilaginei.

Non solo abbronzatura! Tutti i benefici del betacarotene

Il betacarotene si è conquistato autonomamente un posto di primo piano tra le sostanze con virtù preventive: contrasta i danni dei radicali liberi (molecole che danneggiano l’organismo), protegge l’apparato cardiovascolare, è antinfiammatorio e antinvecchiamento. Favorisce l’abbronzatura omogenea e senza danni, proteggendo la pelle dai raggi solari.

batacarotene abbronzatura
Il betacarotene favorisce un’abbronzatura naturale.

È un antiossidante dalle indiscusse proprietà anticancro, attivo specialmente nel prevenire quello polmonare. In sinergia con gli altri carotenoidi contenuti nei vegetali, rinforza il sistema immunitario al punto da neutralizzare l’azione degli agenti inquinanti e l’insorgere del cancro chimico e virale. Tutto questo senza essersi trasformato in vitamina A.

Le controindicazioni del betacarotene

Va ricordato che il corpo trasforma il betacarotene in vitamina A solo in caso di effettivo bisogno, perché il suo eccesso può essere dannoso. Troppo betacarotene nell’organismo, invece, non è pericoloso: dà un colorito giallo-arancio alla pelle, che sparisce appena si riducono le dosi di betacarotene.

Dove si trova il betacarotene

Il betacarotene si trova principalmente nei vegetali gialli, arancioni e verdi. ©Ingimage
Il betacarotene si trova principalmente nei vegetali gialli, arancioni e verdi. ©Ingimage

Al primo posto della lista della spesa “al betacarotene” troviamo naturalmente le carote (radice, foglie), da cui i carotenoidi, appunto, prendono spunto per il nome, seguite dalla foglie di malva, dalla cicoria, dalla zucca, i pomodori secchi, il tarassaco, gli spinaci, i broccoletti, i rapanelli, le albicocche, la rucola, il melone, i cachi e così via.

Quanta frutta e verdura consumare per avere abbastanza betacarotene

Le cinque porzioni al giorno raccomandate dalla Organizzazione Mondiale della Sanità sono più che sufficienti, sia per beneficiare dei suoi principi attivi, sia per vedere garantita l’adeguata trasformazione in vitamina A, importante per la crescita e per la vista.

Articoli correlati
Vitamine dalla natura

Dalle vitamine dipende il buon funzionamento di tutti i processi biologici dell’organismo: l’alimentazione varia e naturale previene le carenze vitaminiche.

;