Come conservare il vino, ecco le 6 regole d’oro

Per creare una cantina personale che consenta di conservare il vino permettendogli di affinarsi nel tempo occorre rispettare alcune avvertenze elementari.

di Franco Ziliani

1. Conservare il vino alla giusta temperatura

La temperatura ideale per la conservazione del vino deve andare dai 12 ai 16 gradi ed è accettabile anche se la temperatura si mantiene costante anche tra 18 e 20 gradi. Va assolutamente evitato uno sbalzo termico dal caldo al freddo o viceversa, che danneggia il vino ed il tappo.

2. Evitare la luce

È meglio poter usufruire di un locale sotterraneo senza luce, che altera il vino, sia per la forza dei raggi che per il calore che produce.

come conservare il vino
Un ambiente umido e con poca luce è fondamentale per la giusta conservazione del vino © Ingimage

3. Evitare vibrazioni

Un locale soggetto a vibrazioni esterne non è l’ideale per conservare il vino, perché tende a far perdere elasticità al tappo con conseguente minor garanzia di tenuta.

Leggi anche: I cambiamenti climatici fanno crollare la produzione di vino

4. Conservare il vino in ambiente umido

L’umidità è amica del vino. Se l’ambiente non è umido si può installare un umidificatore, facendo attenzione a non rovinare l’etichetta, la vera carta d’identità del vino.

conservare il vino nel modo giusto
Tenendo le bottiglie orizzontali, il sughero rimane umido e quindi è meno permeabile all’aria © Ingimage

5. Evitare odori forti

L’ambiente deve essere sempre pulito e la cantina non può essere anche un ripostiglio, perché il sughero assorbe gli odori e poi li trasmette al vino.

6. Tenere le bottiglie orizzontali

Le bottiglie vanno tenute orizzontali, di modo che il sughero rimanga sempre umido grazie al contatto con il vino e quindi meno permeabile all’aria.

 

 

Articoli correlati
Arriva vino in festa!

Dal 14 maggio all’11 giugno un mese dedicato all’incontro con Bacco, seguendo il vino delle diverse cantine, delle imprese dei vignaioli altoatesini,

Monteu Roero e il suo vino.

Nel cuore del Piemonte, terra di grandi rossi, si produce pure un vino bianco eccellente, l’Arneis, tipico del Roero. La famiglia Negro, per prima, ha trasformato questo vino, un tempo dolce, in un bianco secco di grande pregio. Il Perdaudin 2008 ne