Cosa si prevede per la green economy negli Usa nel 2014

Il 2014 è visto dagli analisti americani del settore green come un anno di crescita. Scopriamo quali sono le tendenze della green economy nel nuovo anno.

Sostenibilità

Come si trasformerà il sistema energetico americano nei prossimi anni? Che ruolo avranno le fonti rinnovabili nei bilanci energetici nazionali? Affidiamo le risposte a ricerche e analisi di mercato di alcune delle più importanti organizzazioni americane del settore, che cercano di interpretare i cambiamenti in atto e di individuarne le prospettive e le potenzialità. Secondo un rapporto Ecova, basato su un sondaggio di 500 professionisti della green economy, la crescita della sostenibilità nel 2014 sarà ostacolata da un aumento dei prezzi dell’energia e delle risorse. Il 70 per cento degli intervistati prevede che l’acqua sarà la questione prioritaria dell’anno appena iniziato e, se da un lato preoccupa, dall’altro è percepito come una significativa opportunità di risparmio e di miglioramento.

 

Energie rinnovabili

L’industria dell’energia rinnovabile statunitense nel 2014 vivrà una fase di fervente sviluppo. Il 20 dicembre 2013 Credit Suisse ha pubblicato un rapporto molto favorevole che prevede una crescita senza precedenti per le energie rinnovabili negli Stati Uniti. L’elemento principale che giustifica tali previsioni è la forte competitività delle energie rinnovabili rispetto alla produzione di energia convenzionale. Il rapporto prevede che l’energia rinnovabile soddisferà circa l’85 per cento della futura domanda di energia fino al 2025. In quest’ottica si prevede che il mercato dell’energia solare raddoppierà e raggiungerà una quota pari a circa il 12 per cento della produzione di elettricità degli Stati Uniti. Nonostante queste previsioni positive la strada da percorrere è ancora lunga e tortuosa e gli impianti alimentati a combustibili fossili sono ancora la maggioranza, come sottolinea lo studio America’s Power Plan. Proprio la mancanza di infrastrutture adeguate a sostenere tali progetti rappresenta un grande ostacolo allo sviluppo delle energie rinnovabili.

 

Energia solare

Il costo del solare negli ultimi anni è diminuito sensibilmente. In parte a causa di questo calo dei prezzi, la relazione di Credit Suisse prevede che il comparto dell’energia solare aumenterà 11 volte e rappresenterà il 20 per cento della crescita delle energie rinnovabili tra il 2012 e il 2025. Mercom Capital Group, società di comunicazione e consulenza specializzata in energie rinnovabili, ha pubblicato uno studio riguardante l’industria solare nel 2014. Il rapporto anticipa che i nuovi impianti statunitensi immetteranno nella rete un totale di 6 GW nel 2014. Secondo lo studio di Mercom nel 2014 gli Stati Uniti installeranno più energia solare rispetto a Germania, India, Italia e Regno Unito, solo Cina Giappone faranno meglio.

 

Energia eolica

Il rapporto di Credit Suisse prevede che lo sfruttamento dell’energia eolica raddoppierà e rappresenterà circa l’80 per cento di crescita delle energie rinnovabili degli Stati Uniti fino al 2025. La forza del vento sta diventando molto meno costosa e molto più efficace nella produzione di energia elettrica. Una delle incognite che avrà un impatto sul futuro delle energie rinnovabili negli Stati Uniti è il destino del Production Tax Credit (Ptc), che è scaduto alla fine del 2013. Il Ptc è un incentivo statale che prevede un rimborso di 2,2 centesimi al KWh prodotto per un periodo di dieci anni. È però importante notare che in passato il Ptc è stato lasciato scadere solo per essere successivamente ripristinato.

 

Bioedilizia

L’edilizia sostenibile in America continuerà la sua forte crescita, a sostenerlo è Jerry Yudelson, tra i principali consulenti nel campo della bioedilizia. Nel 2014 l’attenzione sarà rivolta principalmente alla ecocompatibilità degli edifici esistenti e crescerà ulteriormente l’interesse per l’efficienza energetica. Il prossimo passo importante per la progettazione e lo sviluppo degli edifici sarà creare abitazioni a impatto zero. Per arrivare a questo punto è necessario utilizzare materiali ecocompatibili e stilare “liste rosse” per evitare l’utilizzo di quelli dannosi e non ecologici. Inoltre continuerà a crescere l’utilizzo dell’energia solare e il perfezionamento di tecniche per il recupero e la conservazione dell’acqua.

Articoli correlati