Diritti umani

Bataclan, Bruxelles, Istanbul, Iraq. La lunga scia di sangue dell’Isis

Dal 2015 i terroristi dell’Isis hanno colpito in Europa, Usa, Medio Oriente. A terra, in volo, con attacchi suicidi, autobombe e kalashnikov.

Centinaia di morti, migliaia di feriti. Aerei abbattuti, mercati fatti saltare in aria, gente comune fucilata senza pietà in bar, teatri, concerti. Dalla Francia al Pakistan, dalla Siria agli Stati Uniti, dalla Tunisia allo Yemen. L’elenco degli attentati rivendicati o attribuiti al gruppo ultra-radicale Stato Islamico dal gennaio del 2015 assomiglia ad un bollettino di guerra. L’agenzia Afp ha ripercorso i principali attacchi, l’ultimo dei quali ha sconvolto la capitale dell’Iraq, Bagdad, nella notte tra il 2 e il 3 luglio.

Isis bandiera
Un gruppo di persone con in mano una bandiera dello Stato Islamico ©Tauseef Mustafa/Afp/Getty Images

Si tratta di un elenco parziale. Al quale andrebbero aggiunti, ad esempio, gli attentati effettuati da altri gruppi integralisti, come Boko Haram, che opera tra Nigeria, Camerun, Ciad e Niger. O quelli effettuati dalla cellula radicale islamista al-Shabaab: è il caso dell’attacco all’hotel Naasa Hablood, nella capitale della Somalia, Mogadiscio.

 

7 gennaio 2015 – Francia

Un commando armato fa irruzione nella redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo, nel mirino per una serie di vignette giudicate blasfeme dai terroristi. Dodici persone vengono uccisi a colpi di kalashnikov dai fratelli Said e Cherif Kouachi.

 

Charlie Hebdo
Il settimanale Charlie Hebdo di Parigi è stato assaltato nel gennaio del 2015 ©Marc Piasecki/Getty Images

 

8 gennaio 2015 – Francia

Amedy Coulibaly, militante dello Stato Islamico, uccide un poliziotto a Montrouge, non lontano da Parigi. Il giorno successivo, prende in ostaggio clienti e dipendenti di un supermarket kosher della capitale francese, uccidendo quattro persone. Il terrorista sarà quindi ucciso nel corso di un blitz delle forze speciali.

 

18 marzo 2015 – Tunisia

Un attentato al museo del Bardo provoca la morte di ventidue persone, tra i quali ventuno turisti stranieri.

20 marzo 2015 – Yemen

Almeno 142 persone perdono la vita e più di 350 rimangono ferite in una serie di attacchi suicidi nella moschea della capitale Sana’a. È il primo attacco coordinato rivendicato dall’Isis nello Yemen.

 

13 maggio 2015 – Pakistan

Un gruppo di uomini armati fa irruzione su un bus a Karachi, uccidendo quarantacinque persone di nazionalità israeliana.

 

26 giugno 2015 – Tunisia

Un albergo nella città di Sousse viene attaccato da un commando armato. Uccise trentotto persone, di cui trenta di nazionalità britannica.

Tunisia attentato spiaggia
Trentotto persone sono state uccise su una spiaggia in Tunisia ©Jeff J Mitchell/Getty Images

20 luglio 2015 – Turchia

Trentaquattro morti nel corso di un attacco nella città di Suruc, non lontano dal confine con la Siria. Nel mirino, in questo caso, militanti curdi.

 

10 ottobre 2015 – Turchia

Un doppio attentato suicida, attribuito all’Isis, provoca 103 vittime e più di cinquecento feriti di fronte alla stazione ferroviaria centrale di Ankara.

 

31 ottobre 2015 – Egitto

Un aereo Airbus A321 russo viene abbattuto mentre attraversa la penisola del Sinai: nessuna delle 224 persone a bordo, tra turisti e membri dell’equipaggio, sopravviverà.

 

12 novembre 2015 – Francia

Una serie di attacchi attorno allo Stade de France, nel teatro Bataclan e in una serie di caffè di Parigi provocano 130 vittime e più di 350 feriti. È la prima volta che si registrano attentati kamikaze nella nazione europea.

https://www.youtube.com/watch?v=knEHdla1s5E

24 novembre 2015 – Tunisia

Un autobus viene attaccato nella capitale Tunisi: dodici i morti.

 

2 dicembre 2015 – Stati Uniti

Una coppia di musulmani apre il fuoco contro un centro di cure per portatori di handicap a San Bernardino, in California, uccidendo quattordici persone. L’attacco in questo non viene rivendicato esplicitamente, ma “benedetto” dall’Isis.

 

12 gennaio 2016 – Turchia

Dodici turisti tedeschi vengono uccisi da un kamikaze nel centro storico di Istanbul.

 

19 marzo 2016 – Turchia

Tre turisti israeliani e un iraniano vengono freddati sul corso Istiklal a Istanbul.

 

22 marzo 2016 – Belgio

Due attacchi suicidi all’aeroporto internazionale di Zamenten e alla stazione della metropolitana Maelbeek provocano trentadue morti e più di trecento feriti.

11 maggio 2016 – Iraq

Un’autobomba esplode in un mercato. Almeno cinquanta i morti accertati.

 

12 giugno 2016 – Stati Uniti

Un americano di origine afgana apre il fuoco in un club gay di Orlando, in Florida, colpendo a morte quarantanove persone. L’Isis rivendica l’attentato: “Effettuato da un soldato del califfato”.

 

Francia Bataclan attentato
I presidenti francese e americano, François Hollande e Barack Obama, depongono dei fiori davanti al teatro Bataclan ©Philippe Wojazer/Afp/Getty Images

 

13 giugno 2016 – Francia

Un poliziotto e la sua compagna vengono uccisi nella loro abitazione, nei pressi di Parigi. Ad agire un uomo legato allo Stato Islamico.

 

27 giugno 2016 – Yemen

Quaranta soldati, una donna e un bambino sono stati uccisi in una serie di attentati suicidi nello Yemen. Le azioni sono rivendicate dall’Isis.

Isis Iraq ragazza
Il pianto di una ragazza irachena ©John Moore/Getty Images

28 giugno 2016 – Turchia

Quarantuno persone vengono massacrate in un triplo attentato suicida all’interno dell’aeroporto Ataturk di Istanbul. Il primo ministro Binali Yildirim accusa l’Isis di aver organizzato l’attacco.

 

1 luglio 2016 – Bangladesh

A Dacca assaltato un caffè frequentato prevalentemente da turisti, situato nel quartiere diplomatico di Gulshan. Il bilancio è di venti morti, ai quali si aggiungono sei dei sette attentatori.

 

3 luglio 2016 – Iraq

A Bagdad più di duecento persone muoiono in seguito all’esplosione di un’autobomba in una via commerciale della città.

 

Immagine di apertura:  ©Defne Karadeniz/Getty Images

Articoli correlati