Glifosato, la giustizia americana conferma la condanna per Monsanto

La Monsanto dovrà versare 25,3 milioni di dollari ad un uomo che ha utilizzato per 25 anni il Roundup. “Riprovevole” il comportamento della multinazionale.

Lunedì 15 luglio, un giudice americano ha deciso di confermare la condanna per la Monsanto a pagare un pesantissimo risarcimento nei confronti di un settantenne, Edwin Hardeman, che ha utilizzato l’erbicida Roundup per trent’anni e oggi è affetto da un linfoma non Hodgkin. Benché infatti l’importo sia stato drasticamente ridotto dagli iniziali 80,8 milioni di dollari (71,8 milioni di euro) a 25,3 milioni, resta la conferma delle responsabilità in capo alla multinazionale.

“Opinione pubblica manipolata dalla Monsanto”

Secondo il magistrato di San Francisco Vince Chhabria, infatti, la malattia che affligge l’uomo è legata al glifosato. La ragione dell’abbassamento dell’indennizzo, inoltre, appare soprattutto procedurale: secondo il tribunale, infatti, il montante inizialmente previsto “non è ammissibile da un punto di vista costituzionale”.

austria glifosato divieto
L’uso di glifosato è sempre più nel mirino © Jean-François Monier/Afp/Getty Images

Ciò che conta è soprattutto il fatto che il giudice non ha accolto la richiesta formulata dalla Monsanto di revisione del processo. E non ha modificato il calcolo del risarcimento dovuto per le spese sanitarie sostenute da Hardeman, nonché per le perdite economiche dallo stesso patite, così come per il danno morale subito.

Migliaia di processi contro la multinazionale negli Stati Uniti

Hardeman ha spiegato di aver utilizzato il Roundup per più di 25 anni, al fine di diserbare la sua proprietà in California. “Sulla base delle prove emerse nel corso del processo – ha concluso Chhabria – la Monsanto merita di essere punita. Le evidenze chiariscono che l’azienda era più preoccupata dalla manipolazione dell’opinione pubblica che dal fatto di rendere sicuro il proprio prodotto”. Un comportamento giudicato “riprovevole”.

Leggi anche: Glifosato. Il rischio di linfomi cresce del 41% tra i più esposti secondo uno studio

“Per anni si è mentito sulla sicurezza del Roundup – ha commentato uno degli avvocati di Hardeman – e sono stati ostacolati tutti gli sforzi volti ad informare la popolazione sulla cancerogenicità del glifosato”. La Bayer, società oggi proprietaria della Monsanto, ha annunciato la volontà di presentare un appello. Sono tuttavia migliaia, ormai, i processi avviati negli Stati Uniti contro la multinazionale.

Articoli correlati