Un’altra imbarcazione carica di petrolio si è arenata al largo delle Mauritius

A pochi mesi dal disastro ambientale della scorsa estate, con mille tonnellate di carburante in mare, alle Mauritius si teme per un nuovo incidente.

A pochi mesi di distanza dal gravissimo disastro ambientale della scorsa estate, un’altra imbarcazione carica di petrolio si è arenata nelle acque dell’Oceano indiano, nei pressi dell’arcipelago di Mauritius. Sembra che per il momento non si siano verificate perdite di combustibile, ma le operazioni di soccorso sono ancora in atto.

Arenato un peschereccio con 130 tonnellate di petrolio

È al Jazeera a riportare le notizie – ancora parziali – sull’accaduto. Domenica 7 marzo il capitano del peschereccio Lurong Yuan Yu, battente bandiera cinese, ha chiesto soccorso perché l’imbarcazione si era arenata al largo di Pointe-aux-Sables, non lontano dalla capitale Port Louis. La guardia costiera e le forze armate sono intervenute anche per evitare che si riversasse in acqua il carico di 130 tonnellate di petrolio e 5 tonnellate di oli lubrificanti. Per ora, stando alle dichiarazioni del ministro della Pesca Sudheer Maudhoo, lo scafo appare intatto. Oggi sono iniziate le operazioni necessarie a estrarre in sicurezza il carburante e disincagliare il peschereccio. Destano preoccupazione, però, le piccole macchie scure osservate dai droni attorno alla nave; le autorità gettano acqua sul fuoco, sostenendo che si tratti di oli lubrificanti.

Il disastro ambientale alle Mauritius della scorsa estate

Difficile non pensare al 25 luglio 2020, data di inizio del peggiore disastro ambientale della storia delle Mauritius. All’epoca a incagliarsi per il maltempo è stata la petroliera MV Wakashio, di proprietà di un armatore giapponese e battente bandiera panamense, con 4mila tonnellate di idrocarburi a bordo. I soccorritori sono riusciti a bloccare la fuoriuscita e rimuoverne la maggior parte, ma circa mille sono comunque finite in acqua fino a raggiungere le coste, contaminando il territorio e provocando la morte di decine di cetacei. Meno di un mese dopo, la nave si è spezzata a metà.

mauritius petroliera
La petroliera che il 25 luglio si era incagliata al largo delle Mauritius si è spezzata. Il danno ambientale non è ancora quantificabile

Catastrofiche le conseguenze tanto per l’ecosistema quanto per la sussistenza della popolazione che si basa soprattutto su pesca e turismo. Da qui l’ira di decine di migliaia di persone, scese in piazza per protestare contro la carente gestione dell’emergenza da parte del governo.

Articoli correlati