Best practice

Anche le pubblicità possono difendere l’ambiente. Lo dimostra One

La concessionaria pubblicitaria di maxiaffissioni One diventa la prima realtà italiana a proporre un’offerta integrata sostenibile insieme a LifeGate.

Le vediamo tutti i giorni. Ci fanno compagnia per le vie delle città, abbracciano gli edifici quando devono essere restaurati, ci hanno ricordato di rimanere forti durante questi difficili mesi di emergenza sanitaria legata al coronavirus. Stiamo parlando delle maxi-affissioni, le pubblicità esposte al pubblico sulle facciate dei palazzi.

La società One, che da oltre dieci anni opera nel settore, ha deciso di aprirsi al mondo della sostenibilità e offrire ai propri clienti un nuovo modo di tutelare l’ambiente, grazie ad una serie di opzioni mirate a ridurre la propria impronta ecologica.

La collaborazione con LifeGate ci rende molto orgogliosi e rappresenta la punta di diamante della nostra offerta integrata per nostri clienti in tema di sostenibilità.

Emanuele Anselmi, Amministratore delegato & Founder di One

One e Impatto Zero®

Per ciascun impianto pubblicitario, One propone diverse possibilità di realizzazione per rispondere alle domande di un mercato che sta mutando sempre di più verso la sostenibilità e il rispetto del Pianeta.

E adesso vuole trasformare le proprie installazioni in strumenti a zero emissioni. Tramite l’adesione al progetto LifeGate Impatto Zero®, viene calcolata, ridotta e compensata la produzione di CO2 emessa dalle attività di gestione degli impianti attraverso la creazione, la tutela e lo sviluppo delle foreste.

Ad esempio, la CO2 prodotta da una campagna pubblicitaria realizzata con un telo tradizionale su un impianto di 500 metri quadrati, viene compensata con la riforestazione e il sostegno alla tutela di oltre 1.100 metri quadrati di foresta.

Siamo felici di aver intrapreso questo percorso inedito con ONE che ha scelto di essere portavoce dei temi di sostenibilità nel settore della pubblicità. Il progetto vuole lanciare un messaggio rivolto alla tutela ambientale ed è sviluppato attraverso azioni concrete.

Enea Roveda, Amministratore delegato di LifeGate 

foresta impatto zero one
Per ciascun impianto pubblicitario, One propone diverse possibilità di realizzazione per rispondere alle domande di un mercato che sta mutando sempre di più verso la sostenibilità e il rispetto del Pianeta © S. Hermann, F. Richter/Pixabay

Le altre soluzioni 

Oltre all’adesione ad Impatto Zero®, One offre ugualmente la possibilità di usare dei teli senza Pvc – il cloruro di polivinile, una delle materie plastiche di maggior consumo al mondo –, delle stampe con inchiostri ad acqua non inquinanti e dei tessuti che filtrano e assorbono l’inquinamento. Inoltre, riciclano i teli in maniera creativa e solidale, grazie ad una partnership con Extraliberi, una realtà che opera nel mondo dell’economia carceraria.

Quando la sostenibilità sociale si fonde a quella ambientale, non può che nascerne un progetto destinato a guidare il cambiamento.

Articoli correlati