Cosa si sa dell’incendio devastante che ha colpito la cattedrale di Notre Dame di Parigi

La ricostruzione della sera più buia di Parigi, quella che visto il suo simbolo, la cattedrale di Notre Dame, in parte distrutta da un incendio. Cosa si sa sui danni, sui motivi e sui progetti di ricostruzione.

in collaborazione con Andrea Barolini

“La ricostruiremo”. Passata la mezzanotte di martedì 16 aprile, mentre i vigili del fuoco ancora lottano per domare gli ultimi focolai, il presidente francese Emmanuel Macron reagisce con uno scatto d’orgoglio. Promette ai parigini di restituire al più presto il loro simbolo, la cattedrale di Notre Dame, sfigurata da un devastante incendio che si è portato via un inestimabile patrimonio artistico e architettonico.

cattedrale notre dame, incendio parigi
La cattedrale di Notre Dame, a Parigi, avvolta dalle fiamme © Geoffrey Van Der Hasselt/Afp/Getty Images

Com’è cominciato e come si è svolto l’incendio alla cattedrale di Notre Dame di Parigi

Alle ore 18:50 circa di lunedì 15 aprile, primo giorno delle celebrazioni per la Settimana Santa, nella parte superiore della cattedrale di Notre Dame di Parigi divampa un incendio. Il fuoco si propaga rapido lungo le massicce travi in legno che sorreggono il tetto, talmente fitte da essere state soprannominate dai prelati “la foresta”. Verso le 20:20 la guglia ottocentesca crolla verso l’interno creando un buco nella volta.

Per qualche ora sembra che l’intera struttura sia destinata a soccombere alle fiamme. In tarda serata, la rettifica: circa tre quarti del tetto sono distrutti, insieme alla guglia e a un numero ancora imprecisato di opere d’arte, ma i campanili e la struttura resteranno in piedi. Alle 3:30 del mattino, fa sapere l’agenzia di stampa Reuters, l’incendio può dirsi domato quasi del tutto; restano soltanto alcuni focolai isolati, ormai sotto controllo. Alle 9:51 di martedì 16 aprile il corpo dei vigili del fuoco di Parigi comunica ufficialmente che l’incendio è estinto e le principali opere d’arte sono state salvaguardate.

Imponente il dispiegamento di forze, con circa 400 vigili del fuoco in azione per domare le fiamme, trarre in salvo le opere d’arte e al tempo stesso raffreddare alcune parti dell’edificio, scongiurando il suo collasso. Come spiega la protezione civile, non è possibile impiegare aerei Canadair poiché questi ultimi sgancerebbero tonnellate d’acqua, distruggendo irrimediabilmente l’intera struttura. La dichiarazione appare una chiara risposta al tweet con cui il presidente americano Donald Trump aveva ventilato questa ipotesi, esprimendo il suo dispiacere per il disastro ed esortando ad “agire subito”.

Gli unici feriti, non gravi, sono due agenti di polizia e un pompiere. Fortunatamente, il disastro si è scatenato dopo la fine dell’orario di apertura; con dodici milioni di turisti nel 2017, la cattedrale è il monumento storico più visitato d’Europa.

Quali opere d’arte sono state salvate dall’incendio a Notre Dame

Monsignor Patrick Chauvet, rettore arciprete della cattedrale, fa sapere che sono al sicuro la tunica di San Luigi e la corona di spine che, secondo la tradizione, Cristo portò sul capo lungo la salita al Calvario. Anche “alcuni calici e quadri” sono salvi, aggiunge, mentre per i dipinti più grandi non c’è stato nulla da fare. Secondo il quotidiano francese Le Monde alcune vetrate sono esplose a causa del calore, ma il rosone affacciato sulla Senna, capolavoro del Tredicesimo secolo, appare intatto. Durante la notte, fa sapere il vicario generale dell’arcidiocesi di Parigi Philippe Marsset, un team di esperti del monumento è intervenuto per stilare una lista di priorità delle opere su cui intervenire. Ma la situazione, dichiara la ministra della Cultura Françoise Nyssen alla radio France Inter, è “precaria”.

Sarà difficile ricostruire le cause dell’incendio devastante

“In questa fase sappiamo ancora molto poco dell’origine del gigantesco incendio”, così Le Monde nelle prime ore del mattino del 16 aprile. Il pubblico ministero ha aperto un’inchiesta per distruzione involontaria attraverso un incendio, escludendo a priori le ipotesi criminali. Ma le indagini si preannunciano ancora molto lunghe e delicate.

notre dame parigi
Com’era la cattedrale di Notre Dame di Parigi in una foto del 2007 © Pascal Le Segretain/Getty Images

Secondo i primi elementi raccolti dagli inquirenti, il fuoco si sarebbe acceso nel solaio, una zona parecchio difficile da raggiungere, circondata dalle impalcature necessarie per la vasta operazione di restauro intrapresa nell’estate del 2018. Pare che al momento del disastro non ci fossero operai al lavoro. Il problema principale per gli inquirenti consiste nel fatto che questa parte della cattedrale, di fatto, non esiste più. Il che significa che, con ogni probabilità, anche le eventuali prove materiali ormai sono ridotte in cenere. Tutte le testimonianze oculari, per giunta, pongono l’accento sull’incredibile velocità con cui il fuoco si è propagato, di minuto in minuto. Anche questo, per ora, è un grande punto interrogativo.


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da LifeGate (@lifegate) in data:

Quale futuro per Notre Dame, simbolo di Parigi

“Abbiamo scongiurato il peggio”, dichiara il presidente Macron alla stampa poco dopo la mezzanotte. La Francia, aggiunge, lancerà una raccolta fondi internazionale per ricostruire la cattedrale, chiamando all’appello i migliori talenti dall’estero.

I primi a raccogliere la sfida sono i leader di due colossi parigini della moda e del lusso: Bernard Arnault, proprietario del gruppo Lvmh, donerà 200 milioni di euro, mentre Francois Henri Pinault, a capo del gruppo Kering, ha promesso 100 milioni di euro.

 

Foto in apertura © Veronique de Viguerie/Getty Images

Articoli correlati