Come andare sulle piste da sci in treno

Arrivare sulle piste da sci in treno è possibile anche in Italia: si risparmia tempo e si inquina meno. Da non dimenticare per le prossime sciate, sempre che nevichi.

Arrivare sulle piste da sci in treno è comodo, probabilmente più economico e sicuramente inquina meno rispetto a raggiungerle in automobile. In moltissimi in questo periodo trascorrono week end o settimane intere nelle località sciistiche, soprattutto in prossimità delle festività natalizie. Sembra più semplice caricare tutto in macchina e partire. Ma domandiamoci anche se è conveniente, quanto tempo ci occorre e quanto inquiniamo.

 

Le stazioni sciistiche dove arrivare in treno

Ormai ci sono località sciistiche anche in Italia che è possibile raggiungere interamente in treno. La maggior parte sono nel nord del paese, proprio sull’Autostrada del Brennero che chi ama la montagna e quelle zone sa essere sempre trafficata e spesso bloccata. Per risparmiare stress, pedaggi e benzina e godere invece di magnifici panorami dai vagoni di un comodo treno si può andare a Marilleva e Brunico.

 

Sulle piste da sci in treno: Marilleva e Brunico

Marilleva è posta al centro della Val di Sole, nel Trentino occidentale, fra il Parco Nazionale dello Stelvio e il Parco Naturale Adamello Brenta a poca distanza da Madonna di Campiglio, dal Passo del Tonale, dalla Val di Pejo e dalla Val di Rabbi. Come arrivare? Con le Ferrovie dello Stato fino a Trento o Mezzocorona e poi proseguire con il trenino della Ferrovia Elettrica Trento Malé sino a Mezzana/Marilleva. Marilleva si trova lungo il Noce e offre numerose opportunità ricreative, alcune dedicate esclusivamente ai più piccoli, grazie anche al nuovo Centro Sportivo, con il meglio dell’attrezzatura e dei servizi per l’attività fisica. A quota 1400, la stazione turistica nata nel 1972 con la moderna architettura dell’epoca permette di arrivare sci ai piedi fin sull’uscio di casa.

Brunico si trova dove le Valli di Tures e Aurina dal nord e la Val Badia dal sud convergono, nella verde Val Pusteria, dove l’Aurino sfocia nella Rienza e per arrivarci occorre scendere alla stazione di Fortezza e poi utilizzare l’efficente Ski Pustertal Express.

 

Il comprensorio sciistico Plan de Corones è direttamente collegato alla rete ferroviaria. La stazione a valle dell’impianto di risalita Ried a Perca è anche stazione ferroviaria. In tal modo, chi vuole sciare sul Plan de Corones, può evitare di prendere la propria macchina. Se lo si desidera è anche possibile spostarsi fino al comprensorio sciistico successivo, anch’esso collegato alla rete ferroviaria: la stazione ferroviaria del comprensorio sciistico delle Dolomiti di Sesto si trova presso la stazione a valle Monte Elmo a Versciaco.

[vimeo url=”https://vimeo.com/100305860″]

Queste due stazioni sciistiche facilmente raggiungibili in Italia, se invece si ha tempo e voglia di espatriare, nella vicina Svizzera e in Francia ci sono parecchie località collegate con i treni, la tradizione lì è più radicata ma anche noi ci stiamo avvicinando a questo moderno modo di vivere le piste. Ma per tutte le piste serve la neve.

Articoli correlati
Appennino modenese: il Cimone

Il Cimone deve la fama d’immenso balcone panoramico alla centralità della propria posizione geografica, oltre 4/10 della superficie del territorio italiano