Editoriale

Ritroviamo lo spirito del protocollo di Kyoto

Sedici anni fa, il protocollo di Kyoto (primo accordo mondiale sul clima) entrava in vigore. È ora di raccogliere quell’eredità.

Il 16 febbraio del 2005, sedici anni fa, il mondo intero tirò un sospiro di sollievo. C’erano voluti infatti otto anni, a partire dal 1997, ma finalmente il protocollo di Kyoto – il primo accordo internazionale sul clima, raggiunto nell’omonima città del Giappone al termine della terza Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite (Cop 3) – entrava in vigore. Si trattò di un momento storico e di un punto di partenza. Un momento storico, perché per la prima volta la comunità internazionale, di fatto, prendeva atto “nero su bianco” della necessità di combattere i cambiamenti climatici. Un punto di partenza, perché era chiaro a tutti che quello sarebbe stato solo l’inizio di un lungo processo.

Quali sono stati i risultati del protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto indicava infatti un primo impegno concreto da parte dei governi di tutto il mondo: ridurre collettivamente le emissioni di CO2 di almeno il 5 per cento, entro il 2012, rispetto ai livelli del 1990. Obiettivo raggiunto, e superato largamente, con un calo complessivo “ufficiale” del 24 per cento. Ufficiale, appunto, poiché il bilancio include ad esempio i dati degli stati dell’ex-blocco sovietico, le cui economie (ed emissioni) erano crollate all’inizio degli anni Novanta a causa della dissoluzione dell’Unione Sovietica.

Inoltre, la seconda nazione al mondo in termini di emissioni di CO2, gli Stati Uniti, non ha mai ratificato il protocollo. E il Canada si è ritirato all’ultimo momento. Ebbene, contabilizzando anche le emissioni nord-americane e l’effetto-recessione delle nazioni dell’Europa dell’Est, il calo reale delle emissioni risulta soltanto del 4 per cento.

L’Accordo di Parigi e il futuro (dell’umanità)

Insufficiente. Esattamente come ciò che è stato fatto successivamente dai governi di tutto il mondo. Quattro anni dopo l’entrata in vigore del protocollo di Kyoto, nel 2009, la quindicesima Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite, la Cop 15, si risolse in un sostanziale fallimento. Dovranno passare altri sei anni per arrivare, nel 2015, all’Accordo di Parigi, al termine della Cop 21. Uno straordinario successo seguito però da troppe Cop interlocutorie (a Marrakesh nel 2016, a Bonn nel 2017 e a Katowice nel 2018) e da un nuovo fallimento: la Cop 25 del 2019, a Madrid, conclusa con scarsissimi risultati concreti.

Cop 21 Fabius
Il presidente della Cop 21, Laurent Fabius, dichiara raggiunto l’Accordo di Parigi, nel dicembre del 2015 © Patrick Aventurier/Getty Images

È per questo che, in vista della prossima (decisiva) Cop 26 di Glasgow – prevista per la fine del 2021 – ciò che occorre ritrovare è lo spirito del protocollo di Kyoto. Così come quello dell’Accordo di Parigi. Il “Momentum for Change” più volte richiamato dalle stesse Nazioni Unite. Il sospiro di sollievo che abbiamo tirato nel 2005 e nel 2015. Prima che sia troppo tardi.

Articoli correlati
Quali paesi si sono impegnati a raggiungere la neutralità climatica

L’azzeramento delle emissioni nette di CO2 (o carbon neutrality) consiste nel raggiungimento di un equilibrio tra le emissioni e l’assorbimento di CO2. Prima e durante i lavori della Cop26 di Glasgow si sono moltiplicati gli annunci da parte dei vari capi di stato in merito alla riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera. Molti hanno fissato una limite. Vediamo chi ha dato questo annuncio.

La Cop26 è andata così

Com’è andata la Cop26, un commento a mente fredda sulla conferenza sul clima di Glasgow. Non è ancora il tempo per abbandonare la speranza.