Germidi Soia, l’imitazione di Crozza dello chef vegetariano Simone Salvini

Maurizio Crozza ha “preso di mira” lo chef Simone Salvini nella puntata di Crozza nel paese delle meraviglie andato in onda venerdì 26 febbraio su La7.

Durante lo show televisivo Crozza nel paese delle meraviglie, il comico Maurizio Crozza ha portato in scena un’imitazione dello chef Simone Salvini dove prende in giro la sua attenzione per le piante, le verdure, la frutta, considerate anch’esse esseri viventi intelligenti e sociali, come ribadito recentemente da diversi studi scientifici. Salvini ha preso con sana ironia la sua imitazione pubblicando un post sulla sua pagina Facebook dove annuncia che “da oggi il mio chef preferito è lui: Germidi Soia!”, il nome inventato da Crozza per l’imitazione dello chef.

Da oggi il mio chef preferito è lui: Germidi Soia! 🙂 🙂 🙂 #crozzativogliobene!

Pubblicato da Simone Salvini su Sabato 27 febbraio 2016

 

 

Salvini, nato a Firenze nel 1969, è uno chef stellato di fama internazionale ed è noto anche al pubblico televisivo grazie a diversi showcooking dedicati all’alta cucina naturale andati in onda, ad esempio, su Gambero Rosso. Salvini si definisce “un ambasciatore del cibo ‘pacifico’ e empatico. Attraverso i suoi piatti cerca di trasmettere il suo modo di intendere la cucina, che unisce i concetti di bellezza, ecologia e salute”.

 

simone salvini, maurizio crozza
Lo chef Salvini guarda la sua imitazione creata dal comico Crozza

 

Dal 2000 si mette alla prova con molte realtà vegetariane, inclusa quella indiana. Nel corso di un viaggio nel Punjab e a New Delhi approfondisce la cucina ayurvedica. Oggi è responsabile dello sviluppo di prodotti per conto di Alce Nero con cui partecipa a Expo Milano 2015 dove si occupa della ristorazione per il padiglione dedicato al biologico e al naturale. Lo scorso giugno ha inaugurato il ristorante Lord Bio di Macerata.

 

Oggi i vegetariani in Italia sono 4,5 milioni per motivi etici, per la salute o l’ambiente secondo gli ultimi dati Eurisko, pari a circa il 6 per cento della popolazione. Il 3 per cento è vegano, cioè ha eliminato anche i prodotti derivati, di origine animale. Una scelta spesso presa con coscienza e dopo lunghe riflessioni, per questo molti tra i vegani e i vegetariani — a differenza di Salvini — non hanno preso l’imitazione, già molto condivisa sui social network, con il sorriso sulle labbra.

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.

Fukushima, piantando i semi della rinascita

Abbiamo visitato Fukushima per parlare con chi sta lavorando per ricostruire la propria vita dopo il disastro dell’11 marzo 2011. Queste sono le loro storie, in un video reportage prodotto da LifeGate.