Sostenibilità delle montagne: trasformare interessi divergenti in una visione condivisa

Le montagne si innalzano sopra di noi, ma sono invisibili nei programmi educativi. Imparare a gestire meglio le nostre risorse montane è essenziale per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile e assicurare un futuro alle popolazioni del mondo.

Nel mondo, più di un miliardo di persone vive in aree montane ma tutti noi dipendiamo dalle montagne e dalle risorse che ci danno, tra cui acqua, cibo, energia, biodiversità e lavoro. Per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, è indispensabile proteggere e conservare gli ecosistemi montani, migliorando la qualità della vita alle persone che le abitano.

Trasformare interessi che sembrano andare in direzioni opposte in una visione condivisa è essenziale per una gestione efficace delle risorse montane. E su questo aspetto entra in gioco l’educazione alla sostenibilità.

Oltre un miliardo di persone vive nelle aree montane
Oltre un miliardo di persone vive nelle aree montane © Ingimage

Ghanshyam Pande lavora per promuovere lo sviluppo sostenibile delle comunità montane, principalmente negli stati himalayani dell’India. Come coordinatore del programma dell’Istituto centrale himalayano per la natura (Chinar), è uno dei 32 studenti di 25 paesi che si sono iscritti a un corso nelle Alpi italiane sulla gestione sostenibile delle montagne.

Leggi anche: Perché abbiamo bisogno delle aree montane per uno sviluppo sostenibile

Ipromo, un programma per lo sviluppo sostenibile delle aree montane

Il Programma internazionale di ricerca e formazione sulla gestione sostenibile delle aree montane (Ipromo), offre un corso organizzato ogni estate dal segretariato della Mountain partnership – che fa parte dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao) – insieme con l’Università di Torino e l’Università della Tuscia.

Dal 2007, circa 400 persone provenienti da diversi paesi hanno raggiunto l’Italia per partecipare a questo corso, che è stato progettato per rafforzare le capacità di professionisti e ricercatori provenienti da paesi che appartengono alla Mountain partnership. Questo partenariato mira a proteggere gli ecosistemi di montagna, migliorando allo stesso tempo il benessere sociale ed economico delle popolazioni che vi abitano, molte delle quali sono tra le più vulnerabili del mondo.

Mentre i partecipanti provengono da diversi paesi, molti condividono preoccupazioni e sfide simili, come i cambiamenti climatici, la deforestazione, l’estrazione mineraria, l’agricoltura non sostenibile e l’insicurezza alimentare che flagella le montagne dei paesi in via di sviluppo.

L’agricoltura gioca un ruolo fondamentale in montagna per la corretta gestione del territorio, la conservazione della biodiversità, la lotta allo spopolamento e l’incentivo all’economia locale
L’agricoltura gioca un ruolo fondamentale in montagna per la corretta gestione del territorio, la conservazione della biodiversità, la lotta allo spopolamento e l’incentivo all’economia locale © Ingimage

L’approccio paesaggistico per migliorare la resilienza delle montagne

Il corso di quest’anno si offre strumenti e crea competenze sull’approccio paesaggistico integrato per la gestione delle risorse montane. Questo approccio riconosce che le montagne sono vasti paesaggi transfrontalieri e che lo sviluppo di politiche e pratiche sostenibili richiede una visione sistematica delle diverse situazioni, esigenze e obiettivi delle persone, delle istituzioni e dei settori che più si affidano alle montagne.

Le lezioni di Ipromo affrontano temi come la conservazione dell’ambiente, la gestione delle risorse idriche, la creazione di reddito e la sicurezza alimentare, con moduli su argomenti specifici come biodiversità e suolo per la resilienza in montagna, tecnologie per la gestione delle acque, gestione dei rischi e miglioramento delle capacità di comunicazione. Il corso esamina anche casi di studio legati alla politica di conservazione della silvicoltura in Costa Rica e in Messico; è prevista inoltre una visita sul campo alle comunità montane italiane.

Come il suo collega himalayano, Gilbert Muvunankiko del Ruanda rappresenta una ong che lavora con le comunità montane  ed ha anche lui  aderito al corso Ipromo di quest’anno. Di ritorno a casa, sarà coinvolto nella Albertine rift conservation society (Arcos), che si occupa di promuovere progetti sul campo a livello regionale.

montagne Fao
Work in the mountains, scatto di Tatiana Sharapova © CGAP

Coinvolgere le comunità locali

Il corso pone particolare enfasi sull’importanza di coinvolgere direttamente le comunità locali nella gestione degli ecosistemi e delle economie montane, in stretta collaborazione con le autorità. Promuove inoltre l’accesso sia all’innovazione che alle conoscenze tradizionali, inclusa quella delle popolazioni indigene.

La visita sul campo in Valle d’Aosta, in collaborazione con l’Institut agricole régional e il Comune di Gressoney la Trinité, consente ai partecipanti di vedere vari esempi di gestione sostenibile delle risorse montane e imparare direttamente dagli agricoltori e imprenditori locali.

Con la data prevista per il raggiungimento degli SDGs a poco più di dieci anni di distanza, la formazione legata alla montagna è urgente. Le idee, le informazioni e le tecnologie pro-montagna che possono essere acquisite in classe per essere poi utilizzate in montagna  possono e devono aiutare a velocizzare i progressi verso l’attuazione dell’Agenda 2030 e degli SDGs, in particolare l’obiettivo 15.4 (protezione degli ecosistemi montani).

montagne
Gressoney La-Trinité, Valle D’Aosta © Mirco Mion/Unsplash

Queste occasioni di studio e formazione fanno molto più che fornire nozioni. Mettono insieme le persone, aiutano gli esperti, le organizzazioni e le comunità a costruire reti per  condividere conoscenze e idee, aumentando così le loro opportunità di proteggere gli ecosistemi montani e migliorare la vita non solo di chi vi abita ma di tutti noi che dipendiamo dalle montagne per l’acqua e molto altro anche se non lo sappiamo.

Questo editoriale è stato inizialmente pubblicato dall’Istituto internazionale per lo sviluppo sostenibile
Articoli correlati
Economia circolare, l’Europa accelera

La Commissione europea ha annunciato l’adozione di una strategia per ridurre rifiuti e uso di materie prime grazie all’economia circolare. Tra gli obiettivi: imballi più semplici, fatti con un solo materiale, e riutilizzabili