Tesla Model 3, Elon Musk annuncia in un tweet un nuovo record di vendite

Tesla da Guinnes: in 325.000 hanno ordinato la Model 3. Ad annunciarlo su Twitter Elon Musk. Il dato basterebbe da solo a fare entrare l’azienda californiana nel libro dei record per l’auto più prenotata di sempre in una sola settimana.

“Più di 325mila auto preordinate del valore di 14 miliardi di dollari solo nella prima settimana. Solo il 5 per cento delle ordinazioni riguarda due vetture, il che indica bassi livelli di speculazione”. Musk ha annunciato così sul suo profilo Twitter gli straordinari risultati di vendita ottenuti dalla Model 3, l’elettrica per famiglie presentata in California solo una settimana fa.

 

 

L’altro dato, che ha già fatto schizzare il titolo Tesla in borsa, è che ci sono 14 miliardi di dollari di pre-ordini pronti ad entrare nelle tasche di Elon Musk. Certo, bisognerà attendere che la Model 3 arrivi davvero nei garage di chi l’ha prenotata praticamente sulla fiducia, non curanti dei lunghi ritardi che hanno interessato in passato altri modelli Tesla (già si parla di ritocchi ai piani di produzione per far fronte all’ondata di ordini).

 

Tesla-Model-3-4

 

Il tweet di Musk riporta un altro dato interessante:  come afferma lo stesso fondatore di Tesla, solo nel 5% dei casi l’ordine è stato fatto per più di una Model 3, il che significa che ino ad ora c’è stata una bassa tendenza speculativa da parte di chi, in questi casi, tende ad accaparrarsi più auto per poi rivenderle a prezzi più alti a chi è il lista d’attesa.

 

Ricapitolando. Con 350 km di autonomia elettrica e una data di arrivo “stimata” di fine 2017, la Model 3 negli Usa costerà circa 35 mila dollari (poco più di 30.000 euro). In Europa il prezzo potrebbe cambiare di molto, purtroppo al rialzo (si dice oltre i 40.000 euro). Molti dettagli sull’auto non sono ancora stati resi noti. Oltre all’autonomia, della Model 3 si conosce la brillante accelerazione (6 secondi per andare da 0 a 100 km/h) e che sarà equipaggiata con l’Autopilot, un sistema che sfrutta telecamere, radar e sensori per rendere possibile una guida semi autonoma.

Finiamo con una riflessione: mentre Elon Musk procede nel virtuoso processo di espansione del suo network di colonnine Supercharger che, entro la fine dell’anno prossimo potrebbe raddoppiare con oltre 7.000 punti di ricarica Telsa in tutto il mondo, in Italia le auto elettriche perdono terreno. Con una quota di mercato che vale appena lo 0,1 per cento, in questi primi tre mesi dell’anno con 407 unità vendute siamo al 32,6 per cento in meno rispetto allo stesso periodo 2015. Che sia “merito” di tutte le attenzioni che il Governo attuale riserva alla mobilità sostenibile?

Articoli correlati