7 mete in Europa per i giovani che amano l’arte, la cultura e i viaggi sostenibili

Dai musei futuristici a quelli nei boschi, dall’Art Nouveau alla street art, vi proponiamo una selezione di mete in Europa di valore artistico e culturale pensata per i giovanni viaggiatori che vogliono spostarsi in modo sostenibile.

Una visita al Vecchio continente è d’obbligo per qualunque viaggiatore interessato all’arte e alla cultura sia del passato che moderne. Ben 710 milioni di turisti hanno scelto l’Europa come meta nel 2018 (il 5 per cento in più dell’anno precedente), quattro su dieci di questi per la sua offerta culturale. È la regione più visitata al mondo; solo i paesi dell’Unione europea, con quasi 540 milioni di ingressi, rappresentano la metà degli arrivi internazionali a livello globale. Una grande risorsa che però ha anche dei costi, ad esempio quelli ambientali legati ai trasporti. Nell’Ue questi sono responsabili di un quarto delle emissioni di gas serra ed è l’unico settore economico in cui le emissioni non si sono ridotte rispetto al 1990, e che quindi non è al passo con l’obiettivo di decarbonizzare l’economia entro il 2050.

greta thunberg viaggio treno flygskam mete in europa
Greta Thunberg mentre mangia un panino durante uno dei suoi viaggi per l’Europa in treno. Flygskam è il movimento svedese che rifiuta l’aereo (trad. vergogna di volare) © Greta Thunberg

Mete in Europa da raggiungere in modo sostenibile

Anche il settore turistico deve fare la sua parte. Per questo è fondamentale puntare sui viaggi sostenibili, che prevedono l’utilizzo di mezzi di trasposto poco inquinanti come i veicoli elettrici, il treno e anche la bici. I giovani son ben disposti a spostarsi in questo modo, grazie a una maggiore consapevolezza riconducibile in parte alla crescita del movimento studentesco per il clima nato dall’esperienza di Greta Thunberg (vedi ad esempio i ragazzi svedesi che scelgono il treno al posto dell’aereo). E se consideriamo che quasi 85 milioni, intorno al 30 per cento, di cittadini Ue che hanno compiuto un viaggio per motivi personali (non di lavoro) nel 2018 avevano tra i 15 e 34 anni, è chiaro che questa fascia può dare il buon esempio riducendo effettivamente l’impatto ambientale delle sue scelte turistiche.

Ai giovani è dedicata questa selezione delle mete in Europa d’interesse artistico-culturale da non perdere, dal nord al sud del continente. Alcune conosciute, altre più “alternative”, lungo itinerari meno battuti e da percorrere con mezzi sostenibili, ovviamente. Per riscoprire il viaggio non come il raggiungimento di una meta il più rapidamente possibile ma come l’esplorazione di territori che non avremo mai modo di conoscere se non ci prendiamo il tempo per farlo.

Foam Amsterdam museo di fotografia mete in europa
Il museo di fotografia Foam ad Amsterdam, Paesi Bassi © Gerard Stolk/Flickr

Il museo di fotografia Foam ad Amsterdam, Paesi Bassi

ll Foam ospita una delle collezioni di fotografia più celebri al mondo, raccontando a un pubblico ampio questa forma d’arte in tutti i suoi aspetti, con uno sguardo attento alla fotografia contemporanea e alla scoperta dei talenti emergenti. Vengono organizzate mostre e pubblicazioni, ma anche dibattiti e progetti educativi. Ogni giovedì sera, ad esempio, è possibile partecipare a un tour gratuito che permette di conoscere meglio le opere e gli artisti al di là di quello che si nota in superficie. Inoltre, la rivista internazionale di fotografia a cura di questa istituzione, Foam magazine, viene pubblicata tre volte l’anno, sempre con un tema diverso.

Well-hung lover Banksy bristol street art mete in europa
L’opera Well-hung lover di Banksy del 2006 si può vedere a Bristol, in Regno Unito © Matt Cardy/Getty Images

Street art a Bristol, Regno Unito

Portishead e Massive Attack. La città costiera nel sudovest dell’Inghilterra non ha dato vita solo ad alcuni dei più grandi musicisti contemporanei, ma anche allo street artist più conosciuto al mondo, Banksy. Di lui, infatti, si sa che è nato qui, dove è tornato per una mostra al Bristol Museum and Art Gallery nel 2009 e nella vicina località di Weston-super-Mare nel 2015 per creare il parco di divertimenti distopico Dismaland, che in poco più di un mese ha attratto 150mila visitatori. Le opere dell’artista a Bristol, come The grim reaper e The girl with the pierced eardrum, sono diventate vere e proprie mete turistiche.

Gand città delle luci belgio
Gand, in Belgio, è la città delle luci © Joran Quinten/Unsplash

La città delle luci è Gand, Belgio

Chi vive in città prende la luce, anche di notte, per scontato. In realtà, dietro all’illuminazione stradale ci può essere uno studio attento non solo degli aspetti funzionali, ma anche artistici ed estetici. Gand, o Ghent nell’originale fiammingo, è la città delle luci perché da oltre vent’anni ha messo in atto una vera e propria strategia per illuminare le vie, i monumenti e gli edifici del centro, che è pedonale e ricco di architettura medievale, basata anche su un uso intelligente dell’energia. Di notte, dunque, la città è ancora più bella grazie all’atmosfera magica regalata dalle luci, con risvolti positivi anche per la vivibilità e la sicurezza, e quindi per il turismo.

Arte Sella Borgo Valsugana opera Jaehyo Lee
Un’opera di Jaehyo Lee ad Arte Sella, Borgo Valsugana © Giacomo Bianchi/Arte Sella

Arte Sella a Borgo Valsugana, Italia

Un bosco diventa un museo quando l’arte si integra con la natura. Ad Arte Sella, in provincia di Trento, ci si può immergere in un paesaggio alpino arricchito da installazioni artistiche uniche realizzate con materiali naturali – quello che il bosco ha da offrire, come le foglie, il legno, le pietre e la terra – che si inseriscono armoniosamente nell’ambiente circostante. Questo museo a cielo aperto, a cura dell’omonima associazione culturale con oltre trent’anni di esperienza alle spalle, è in continuo mutamento per l’introduzione di nuove opere e il modo in cui queste reagiscono al passare del tempo e alle condizioni meteo.


View this post on Instagram

A post shared by Subotica.com (@wwwsuboticacom) on

Art Nouveau a Subotica, Serbia

Per immergersi nell’estetica fiabesca dell’architettura Art Nouveau non c’è bisogno di andare a Vienna, né a Barcellona, né a Parigi. È Subotica, in Serbia, una delle perle di questa corrente artistica che allo scoccare del Novecento ha rivoluzionato l’arte, il design e l’architettura rompendo i rigidi schemi del secolo precedente. La piccola città serba vicino al confine con l’Ungheria ha vissuto il suo picco di sviluppo urbanistico proprio mentre l’Art Nouveau si stava diffondendo in Europa, influenzando la progettazione degli edifici più importanti della città, come il municipio e la sinagoga.

museo Guggenheim Bilbao frank gehry
Il museo Guggenheim di Bilbao, in Spagna © Jorge Fernandez Salas/Unsplash

Il museo Guggenheim a Bilbao, Spagna

Nel 2018, il Guggenheim di Bilbao a firma di Frank Gehry, tra degli architetti contemporanei più importanti, ha celebrato vent’anni ed è già considerato uno degli edifici più innovativi e iconici della nostra epoca. Questa struttura futuristica e dalla forma audace è grande 24mila metri quadri, di cui quasi 11mila usati come spazi espositivi. È sede infatti di un museo d’arte moderna e contemporanea famoso in tutto il mondo, che ospita una delle collezioni della Solomon R. Guggenheim Foundation – altre si trovano a Venezia, New York e Abu Dhabi – tra le più prestigiose nel panorama artistico di oggi.

odeo di Erode Attico, atene, grecia
L’odeo di Erode Attico ad Atene, in Grecia © Andy Montgomery/Flickr

I teatri di Atene, Grecia

Nella tradizione teatrale di Atene si fondono il suo passato e il suo presente. In questa città – sede del teatro più antico del mondo, quello di Dioniso, nell’Acropoli – ci sono 150 palchi, più di quelli del West End a Londra e di Broadway a New York messi insieme. Atene, infatti, è la città con più palcoscenici al mondo. Nella capitale greca si possono vedere rappresentazioni in luoghi ricchi di storia come l’odeo di Erode Attico e l’antico teatro di Epidauro, sedi del festival di Atene ed Epidauro che anima la città nei mesi estivi, ma la sua proposta teatrale include anche opere, spettacoli moderni e di danza.

Immagine in evidenza: Case colorate a Bristol © Martyna Bober/Unsplash
Articoli correlati