Yape, il fattorino a guida autonoma che gira per le strade di Cremona

Le consegne a domicilio ora si fanno su due ruote, in modalità 100 per cento elettrica e a guida autonoma. Il progetto, tutto italiano, è partito dalla città lombarda.

È il pony express del futuro, quello visto in molte pellicole sci-fi. Si chiama Yape (Your autonomous pony express), ed è il primo fattorino per le consegne a guida autonoma, elettrico e realizzato interamente in Italia. Presentato ufficialmente lo scorso dicembre a Cremona, ha concluso la prima fase di test. Il piccolo robot a due ruote è in grado di muoversi sui marciapiedi, di attraversare la strada, di girare sulle piste ciclabili ed ha un’autonomia di circa 80 km.

yape
Il piccolo robot ha concluso la fase di test mella città di Cremona.

Yape nasce nei laboratori dell’italiana e-Novia, ed è stato realizzato da un gruppo di ricerca di oltre 70 ingegneri e promette di rivoluzionare il mondo delle consegne urbana, almeno per quanto riguarda il cosiddetto ultimo miglio. E pensato per “una città in cui i flussi di merci trasportati sono resi più razionali, più silenziosi e più rispettosi dei limiti ambientali”, spiega Vincenzo Russi, amministratore delegato di e-Novia. “Una città in cui i veicoli elettrici intelligenti, in grado di calcolare i percorsi più brevi e veloci, calcolando i dati del traffico in tempo reale, contribuiscono a ridurre l’impatto generato dalla distribuzione di prodotti in una città con veicoli tradizionali e inefficienti che causano inquinamento e congestione”.

https://www.youtube.com/watch?v=LcWiYd_VoSA VIDEO

Come funziona Yape

Con la possibilità di trasportare fino a 70 kg, Yape viene gestito tramite app dall’utente, che può chiamare il robot sotto casa e affidare il pacco al robot. Una volta indicato l’indirizzo del destinatario, il pony express si muoverà per la città raggiungendo al massimo i 6 km/h se si trova nei marciapiedi o nei vicoli, raggiungendo i 20 km/h se invece viaggia su pista ciclabile. Partenza e  consegna del pacco sono certificati da un sistema di riconoscimento facciale e di credenziali via smartphone che abilita l’apertura del vano solo alle persone autorizzate dalla piattaforma.

yape
Yape, durante la cosegna avvenuta a dicembre a Cremona.

Lungo 60 centimetri, largo 70 e con un peso di 15 chilogrammi, Yape è dotato di quattro sensori che permettono al piccolo robot di vedere fino a 35 metri di distanza, evitando così ostacoli, binari dei tram, marciapiedi. Può inoltre interagire con i sensori già installati nelle città, come i semafori intelligenti, monitorando così i flussi di traffico e la viabilità nelle piste ciclabili. L’ultimo miglio si trasforma e diventa “smart”, in attesa delle normative che dovranno regolarizzare la presenza di questi oggetti tecnologici nella vita di tutti i giorni.

Articoli correlati