Casa ecologica

5 modi (facili) per risparmiare sul riscaldamento

Con l’arrivo della stagione fredda si accendono nelle nostre case caloriferi e caldaie. Ecco allora come non “buttare in fumo” energia e denaro e risparmiare fino al 10-15% in bolletta.

Dal 15 ottobre scorso (almeno per le città che rientrano nella zona E) in tutti gli edifici pubblici e privati è consentito riaccendere i caloriferi per il riscaldamento domestico e pubblico. Nei mesi invernali è quindi fondamentale ottimizzare i consumi di energia elettrica e di gas, non solo per la riduzione del costo delle bollette, ma anche per ridurre inquinamento ed emissioni.

 

Solo in Lombardia, una casa su due è in classe energetica G – la peggiore – e quindi consuma molto più del normale. Molto di più di un suv e da uno a tre volte di più rispetto una casa a Berlino, Vienna o Parigi. Insomma gli italiani sprecano l’energia, e male.

 

Woman Adjusting Thermostat On Central Heating Control
Woman Adjusting Thermostat On Central Heating Control

Ecco allora qualche piccolo consiglio per risparmiare.

Termosifoni liberi

Non coprire i termosifoni con tende, mobili e quant’altro. Installare dei pannelli riflettenti sul retro dei caloriferi, così da irradiare il calore verso l’interno della casa. Mai aprire le finestre se l’impianto è in funzione: il calore se ne va all’esterno e la caldaia continuerebbe a bruciare prezioso carburante.

 

Occhio alla temperatura

La temperatura massima per abitazioni, uffici, scuole e negozi stabilita per legge è di 20°, con due di tolleranza. Per ogni grado in più, la spesa in bolletta cresce del 6-7%. Per essere ancora meno energivori ed evitare spiacevoli sbalzi di temperatura, vanno benissimo anche 18° o 19°.

 

La giusta manutenzione

Sfiatamo i caloriferi se questi presentano all’accensione degli insoliti rumori causati da bolle d’aria. Da non dimenticare l’annuale manutenzione e pulizia della caldaia: si avrà piena efficienza e riduzione dei consumi.

 

La giusta temperatura

Installando delle valvole termostatiche su ogni calorifero, saremo in grado di regolare il consumo di acqua calda. La valvola infatti gestisce l’entrata e la quantità di acqua calda in base alla temperaura scelta. Il risparmio si aggira intorno al 10-15 per cento in bolletta.

 

Caldaie a condensazione e pompe di calore

Le nuove tecnologie permettono oggi di risparmiare rispetto a scaldabagni elettrici e caldaie a gas. Con una caldaia a condensazione si può raggiungere il 35 per cento mentre con l’installazione delle migliori pompe di calore si può arrivare anche al 60 per cento. Meglio ancora se l’acqua calda è prodotta da un impianto solare. Un investimento che viene ripagato in pochi anni.

Articoli correlati
Il mondo è a corto di sabbia

La sabbia è una risorsa rinnovabile, ma noi non le diamo il tempo. Di questo passo, esauriremo le riserve di sabbia per colpa della nostra fame di cemento.