L’Amazzonia è sempre più spoglia, in crescita la deforestazione

Nell’ultimo anno la perdita di foresta nell’Amazzonia brasiliana è aumentata del 30 per cento, record dal 2008 ad oggi.

In Amazzonia sorge la foresta pluviale tropicale più grande e più ricca di biodiversità del pianeta, vestigia delle sconfinate foreste che un tempo ricoprivano la Terra. Oggi quest’area, fondamentale per la nostra specie per la produzione di ossigeno e per la capacità di immagazzinare CO2, è in grave pericolo, minacciata dalla deforestazione che ha raggiunto livelli record.

Caimano in Amazzonia
L’Amazzonia è l’ecosistema più ricco di biodiversità al mondo, ospita circa 60.000 specie di piante, 1.000 specie di uccelli e oltre 300 specie di mammiferi (Photo credit should read PABLO COZZAGLIO/AFP/Getty Images)

Abbattuti 8mila chilometri quadrati di foresta

Tra agosto 2015 e luglio 2016, secondo lo Space Research Institute brasiliano, sono stati distrutti in Brasile quasi 8mila chilometri quadrati di foresta, rasi al suolo da taglialegna, agricoltori e allevatori. Il tasso di deforestazione ha registrato il picco dal 2008 e nell’ultimo anno è aumentata di quasi il 30 per cento.

Deforestata un’area grande come due stati

Per avere un’idea più precisa dello scempio basti pensare che l’area di foresta abbattuta è grande 135 volte Manhattan e pari alle superfici degli stati Connecticut e Delaweare messe insieme.

Taglialegna in Brasile
Il 91% dei terreni disboscati in Amazzonia dal 1970 è stato convertito in pascoli per l’allevamento del bestiame (Photo by Ricardo Beliel/Brazil Photos/LightRocket via Getty Images)

I responsabili

I principali colpevoli della distruzione della foresta primaria brasiliana sono l’industria del legname e il settore dell’allevamento di bestiame. Gli allevamenti nell’Amazzonia brasiliana sono responsabili di circa l’80 per cento di tutta la deforestazione nella regione e sono la maggiore causa mondiale di disboscamento. Hanno inoltre contribuito a spogliare la foresta gli agricoltori che hanno convertito i terreni per la produzione meccanizzata di soia, palma e altre colture.

Deforestazione nell'Amazzonia brasiliana
Il Brasile è al quarto posto nella classifica dei paesi emettitori a livello globale e la deforestazione ne è la causa principale (Photo by Ricardo Funari/Brazil Photos/LightRocket via Getty Images)

Meno alberi più gas serra

L’aumento del tasso di deforestazione in Amazzonia comporta irrimediabilmente un aumento delle emissioni dei gas serra. Lo scorso anno il Brasile, secondo l’Osservatorio sul Clima, ha immesso nell’atmosfera 1,93 miliardi di tonnellate di CO2, facendo registrare un incremento delle emissioni del 3,5 per cento rispetto al 2014.

Articoli correlati
Economia circolare, l’Europa accelera

La Commissione europea ha annunciato l’adozione di una strategia per ridurre rifiuti e uso di materie prime grazie all’economia circolare. Tra gli obiettivi: imballi più semplici, fatti con un solo materiale, e riutilizzabili