Autobus elettrici. In Svezia si sperimenta la ricarica in 10 minuti

Dopo i modelli ibridi con ricarica wireless, Scania lancia il proprio modello elettrico. I primi test nel Nord della Svezia con sei nuovi veicoli.

È l’anno d’oro per Scania, sopratutto per quanto riguarda le novità in fatto di mobilità sostenibile ed elettrica. Dopo la collaborazione per la realizzazione del primo tratto di autostrada elettrica per camion e il lancio di un autobus elettrico-ibrido con ricarica a induzione, oggi il colosso svedese lancia il primo autobus elettrico a batteria.

autobus elettrici
Il modello di bus elettrico che verrà testato nella città di Östersund.

“Con l’aggiunta di autobus elettrici a batteria, rafforziamo ulteriormente il nostro impegno nell’ambito del trasporto sostenibile e completiamo la nostra già ampia gamma grazie ad autobus appositamente pensati per il trasporto nei centri urbani”, ha detto Anna Carmo e Silva responsabile di Scania Buses and Coaches in una nota.

Primi stress test in Svezia

I primi test Scania li effettuerà in casa, ovvero a  Östersund, città a circa 600 km a nord di Stoccolma. Qui il clima invernale particolarmente rigido sarebbe l’ideale per testare la tenuta e l’efficienza del sistema a propulsione elettrica, batteria compresa. La conferma la danno anche da Scania: “Östersund, con il suo clima caratterizzato da inverni freddi e estati moderatamente calde, è il luogo ideale per testare le performance di questi veicoli”.

I primi tre autobus Scania Citywide LF arriveranno in città entro la fine di quest’anno, mentre la flotta si allargherà entro i primi mesi del 2019. Secondo i dati forniti dalla casa madre, gli autobus necessitano di soli 10 minuti di ricarica per percorrere la linea urbana lunga 14 chilometri. I sei autobus saranno in grado di coprire almeno 100 tragitti, uno ogni 15 minuti. In pratica una giornata intera.

Autobus elettrici in crescita in tutta Europa

“L’introduzione di autobus elettrici a batteria rappresenta una novità davvero importante”, ha detto Anne Sörensson, Project Manager della città di Östersund. “Questi veicoli sono un contributo prezioso nel raggiungere l’obiettivo che ci siamo posti: arrivare ad avere un sistema di trasporto privo di combustibili fossili entro il 2030”.

Con questo progetto Scania punta decisamente verso una mobilità sostenibile e a basse emissioni, incrementando la flotta di bus elettrici in tutta Europa. Già in questi anni almeno 19 aziende di trasporto pubblico operanti su 25 città europee hanno in programma di sostituire la flotta con 2500 nuovi bus elettrici entro il 2020, mentre si calcola che nel 2025 questi saliranno a 6100 unità, coprendo il 43 per cento della flotta europea. Del resto città come Eindhoven e Londra stanno segnando il passa già da tempo.

Articoli correlati
Opel Manta, la coupé anni ’70 rinasce elettrica

Opel annuncia il ritorno di Manta, la coupé anni ’70 che rinasce grazie a un progetto unico. Obiettivo? Guardare avanti celebrando il passato, dandogli nuova linfa grazie all’elettrico.

Articolo sponsorizzato