Chi è Frans Timmermans, che guiderà il green deal europeo

Ursula von der Leyen ha presentato la nuova Commissione europea: Frans Timmermans vicepresidente esecutivo per il green deal, Virginijus Sinkevičius commissario per l’Ambiente e gli oceani.

Il vicepresidente esecutivo della nuova Commissione europea, Frans Timmermans, avrà il doppio ruolo di coordinare il green deal europeo e di gestire le politiche di azione legate al clima. Il lituano Virginijus Sinkevičius sarà invece commissario per l’Ambiente e gli oceani. Lo ha annunciato la presidente eletta, Ursula von der Leyen, durante la conferenza stampa in cui ha presentato la sua squadra di governo.

Chi è Frans Timmermans, vicepresidente esecutivo della nuova Commissione europea

Frans Timmermans è nato 58 anni fa nei Paesi Bassi, per la precisione a Maastricht, la città che dà il nome al trattato del 1992 che ha gettato le basi per la moneta unica e ha segnato un grande passo avanti verso l’integrazione europea. Parla sette lingue, compreso l’italiano. Dopo un decennio di carriera diplomatica, nel 1998 si è candidato per la prima volta alle elezioni generali olandesi per il partito laburista, la principale formazione moderata di centro sinistra. Da allora è stato eletto sei volte, ricoprendo anche il ruolo di ministro degli Esteri per l’esecutivo guidato da Mark Rutte, tra il 2012 e il 2014.

Frans Timmermans, John Kerry
Frans Timmermans insieme all’ex-segretario di stato degli Usa John Kerry © Jerry Lampen – Pool/Getty Images

Per gli ultimi cinque anni è stato il braccio destro del presidente uscente Jean Claude Juncker, con il ruolo di primo vicepresidente e commissario per la qualità della legislazione, le relazioni tra istituzioni dell’Unione, lo Stato di diritto e la Carta dei diritti fondamentali. Durante il suo mandato si è occupato della strategia per l’economia circolare, dell’adozione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Onu e ha proposto la legislazione per eliminare la plastica monouso che è stata adottata dal Parlamento europeo. In occasione delle elezioni di maggio 2019, i socialisti europei l’avevano candidato come presidente per la nuova commissione europea, incarico che è stato poi assunto da Ursula von der Leyen.

Verso il green deal europeo

“Voglio che il green deal diventi il marchio di fabbrica dell’Europa”, ha dichiarato Ursula von der Leyen, che ha messo questo piano ambizioso al centro del programma per i suoi primi cento giorni. “Il suo fulcro è il nostro impegno a diventare il primo continente climate neutral del mondo. Si tratta anche di un imperativo economico a lungo termine: coloro che agiranno per primi, e in fretta, coglieranno le opportunità derivanti dalla transizione ecologica. Voglio che l’Europa sia la capofila, voglio che esporti conoscenze, tecnologie e buone pratiche”.

Chi è Virginijus Sinkevičius, futuro commissario per l’Ambiente

Il più giovane della squadra è il lituano Virginijus Sinkevičius, nato il 4 novembre 1990, che sarà commissario per l’Ambiente e gli oceani. Prima di entrare in politica, ha lavorato come giornalista per il Lithuania Tribune ed è stato a capo dell’agenzia nazionale deputata ad attrarre gli investimenti stranieri.

Nel 2016 è stato eletto nella fila dell’Unione dei Contadini e dei Verdi di Lituania, partito di centrodestra che si è aggiudicato il 21,7 per cento dei consensi e 54 seggi alla Seimas (il parlamento monocamerale del paese). Dal 2017 è ministro per l’Economia e l’innovazione per il governo guidato da Saulius Skvernelis. Apolitical l’ha inserito nella lista dei 100 leader politici del futuro, insieme (tra gli altri) alle statunitensi Alexandria Ocasio-Cortez ed Elise Stefanik.

Foto in apertura © Marco de Swart – Pool/Getty Images
Articoli correlati