Jobs act francese. Raffinerie, nucleare, ponti: la protesta paralizza il paese

In Francia si è giunti all’ottavo giorno di sciopero. È muro contro muro tra lavoratori e governo sulla riforma del lavoro. I sindacati: blocchiamo tutto.

La mobilitazione di sindacati e cittadini francesi contro la “loi travail”, il Jobs act del governo diretto da Manuel Valls, si fa sempre più dura. Manifestazioni a Parigi e in numerose altre città, siti petroliferi bloccati ormai da giorni, problemi nei porti e nelle centrali elettriche: le iniziative per dire “no” al progetto di riforma del mercato del lavoro si moltiplicano da più di una settimana.

Quattromila pompe di benzina a secco

Il cuore del movimento di protesta è rappresentato proprio dalle raffinerie (e dai depositi di carburante). Ieri, mercoledì 25 maggio, cinque siti sugli otto attivi nel territorio francese erano di fatto fermi. Più di quattromila pompe di benzina in tutto il paese sono ormai a secco.

 

 

Ma non è tutto: la Cgt, il principale sindacato transalpino, punta – assieme ad altre rappresentanze – a diffondere la protesta in numerose centrali di produzione elettrica, così come nei principali porti del paese. Secondo la stessa organizzazione, infatti, i lavoratori di almeno sedici dei diciannove siti nucleari francesi hanno già votato lo sciopero e si apprestano a incrociare le braccia.

 

 

Uno dei due reattori della centrale di Nogent-sur-Seine risulta già bloccato per “un problema tecnico”, ma Arnaud Pacot, dirigente della sigla sindacale ha spiegato che “faremo in modo di non riavviarlo. Al contempo, per ora abbasseremo la produzione del secondo reattore, con l’obiettivo di azzerarla”. Nel frattempo, altre tre centrali termiche sono già state fermate.

 

Aeroporti, ponti e autostrade bloccate

Ma non è tutto: questa mattina anche l’accesso all’aeroporto di Nantes è stato bloccato dai manifestanti, che hanno sbarrato la strada che porta allo scalo. Stessa sorte per i porti di Brest e di Lorient, nel nord-ovest del paese. Numerosi ponti risultano occupati in Normandia, e anche la principale autostrada francese, la A1, è stata invasa nei pressi di Parigi. Inoltre, la Cgt ha lanciato un appello ai lavoratori della Ratp, l’azienda che gestisce tutti i trasporti pubblici della capitale, ad uno “sciopero illimitato a partire dal 2 giugno prossimo”.

 

 

Da parte sua il governo ha scelto la via della forza, inviando la polizia a tentare di sgomberare alcune delle raffinerie bloccate dai lavoratori. Ha quindi  spiegato che la legge sul lavoro non verrà ritirata (come chiedono invece i sindacati). Intervistato dall’emittente Bfmtv, questa mattina il primo ministro Valls – pur dichiarando di essere disponibile “a delle modifiche al testo, a dei miglioramenti” – ha affermato che “il quadro della riforma non cambierà”. E che “le azioni delle forze dell’ordine continueranno”. La Francia si appresta dunque ad un lungo braccio di ferro.

 

Immagine di apertura: ©Jules78120/Wikimedia Commons
Articoli correlati