Terrore a Londra. Camion sulla folla al London Bridge causa 7 morti

Un furgone ha travolto la folla sul London Bridge, a Londra, attorno alle 22 di sabato. La polizia ha ucciso i tre terroristi. Decine i feriti.

Un furgone che si abbatte sulla folla, la furia omicida che prende di mira i cilenti di pub e ristoranti. E poi la caccia all’uomo, i turisti che corrono in preda al panico, il ronzio continuo degli elicotteri, i posti di blocco, la polizia ovunque a sirene spiegate. Il drammatico copione del terrorismo si è ripetuto una volta ancora sul territorio del Regno Unito.

Leggi anche: Un tranquillo weekend di paura, a Londra

London Bridge attentato
Sette morti e decine di feriti. È il bilancio dell’attacco sferrato nel cuore di Londra da un gruppo di tre terroristi ©Carl Court/Getty Images

Colpito il cuore di Londra. L’attacco nel quartiere dei pub

Ad essere colpita, per la seconda volta nel giro di pochi mesi, è la capitale Londra. L’attacco è stato sferrato sul London bridge, alle ore 22:08 (le 23:08 in Italia): una zona densamente frequentata, sia di giorno che di notte. Il bilancio è di almeno sette persone uccise e più di 48 feriti ricoverati, secondo quanto riferito da Scotland Yard, la polizia inglese e dalle autorità sanitarie locali.

Come già a Stoccolma, in Svezia, a Nizza, in Francia, a Berlino, in Germania, e nella stessa città di Londra, l’attentato è cominciato con un camion che è saltato sul marciapiede con l’obiettivo di falciare i passanti. Stavolta il veicolo si è lanciato a slalom ad almeno 80 chilometri all’ora. 

A bordo tre terroristi, che una volta giunti a Borough high street hanno abbandonato il furgone aggredendo all’arma bianca i frequentatori dell’omonimo quartiere di Borough market. L’attacco, per ora, non è stato rivendicato.

“Una ragazza colpita in pieno petto”

“Ho visto il mezzo avanzare a zigzag per cercare di colpire il maggior numero di persone possibile – ha riferito un testimone parlando alla Bbc -. La gente, in preda al panico, cercava di scappare. Ho aiutato alcuni feriti, tutti giovani. Poi ho visto i tre uomini scendere, avevano in mano coltelli con lunghe lame: hanno cominciato a pugnalare a caso i passanti, una ragazza è stata colpita in pieno petto”.

La polizia ha fatto poco dopo irruzione in alcuni bar e ristoranti urlando ai clienti di nascondersi sotto ai tavoli. Sono seguiti dei colpi di arma da fuoco: i tre attentatori sono stati abbattuti in pochi minuti dagli agenti. Le forze dell’ordine hanno tuttavia confermato la notizia attorno alle 4 di notte, specificando che uno dei terroristi indossava anche una falsa cintura esplosiva. Centinaia di persone hanno quindi potuto lasciare il quartiere, sfilando con le mani in alto, sorvegliate da vicino dagli agenti, in cerca di eventuali complici.

Londra attacco terroristi
I danni ad un pub nei pressi del London Bridge, dopo l’attacco terroristico che ha colpito Londra nella serata di sabato 3 giugno 2017 ©Carl Court/Getty Images

Il 22 maggio l’attacco al concerto di Ariana Grande a Manchester

La prima ministra inglese Theresa May ha annunciato una riunione d’emergenza del “Cobra” (Cabinet office briefing rooms), l’unità di crisi del governo britannico e la sospensione della campagna elettorale per le elezioni che si terranno l’8 giugno. Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha parlato di atto “barbaro, perpetrato per colpire in modo vigliacco turisti e londinesi innocenti”. Il leader dei laburisti Jeremy Corbyn si è detto “scioccato”.

Si tratta del terzo attacco in pochi mesi che prende di mira il Regno Unito. Dapprima quello del 22 marzo, sempre a Londra, nel quartiere di Westminster, ad opera di Khalid Masood, 52enne britannico, nato nel Kent e convertitosi all’islam radicale, che secondo la polizia aveva agito in modo autonomo. Quindi quello del 22 maggio, quando una bomba piazzata dal 21enne Salman Abedi al concerto della cantante Ariana Grande, a Manchester, ha provocato la morte di 22 persone.

Articoli correlati