Luoghi simbolo di Milano in cui c’erano gli alberi

Piazzale Corvetto, corso Buenos Aires e piazza Wagner avevano un’aria serena. Curata. Elegante. Bella. Grazie agli alberi che c’erano fino a cinquant’anni fa. Ma non è troppo tardi.

C’erano alberi in piazza Corvetto. E in Wagner. E al Verziere. A partire dagli anni Cinquanta, è stato asfaltato tutto, e tutti gli alberi rasi al suolo. Gli alberi a Milano sono sopravvissuti alle bombe, non agli assessori. È come se l’ideale del progresso, del boom economico, avesse portato con sé l’assunto dell’inutilità degli alberi.

Gli alberi della Milano sparita

Dagli archivi fotografici dell’epoca riemerge una città amante del decoro, attenta agli spazi a misura d’uomo, ma soprattutto ricca di verde e orgogliosa delle sue aiuole, dei suoi alberi, dei filari di platani e pioppi che contornano ogni viale ed ogni piazza.

Non è stata la guerra ad abbatterli. Non sono stati i lavori della metropolitana. Non sono stati i viadotti. È stato lo smarrimento della cultura arborea degli architetti, del piacere della vista di questi antichi compagni della nostra vita. Prova ne sia che anche nelle più recenti ristrutturazioni di piazze milanesi, da piazza Cadorna, a piazza XXV Aprile, a piazza Gae Aulenti, di alberi… nemmeno l’ombra.

Gli alberi resistono in piazzale Baracca, in Darsena e in viale Piave

Non in tutta Milano gli alberi sono stati sradicati. Resistono in piazzale Baracca, in viale Piave, a Lambrate e via Pacini, in viale Bianca Maria. Ce ne sono ai lati della Darsena. Vero è che vedendo le foto d’epoca le stesse strade sembrano più ampie e decorose, ma questo è colpa delle auto e del cemento che copre le aiuole.

Comunque, fino agli anni Quaranta pareva inconcepibile un viale o una piazza non alberati. In ogni banchina, in ogni marciapiede, in ogni riquadro, in ogni rondò dovevano esserci alberi o siepi. È l’ideale architettonico oggi a esser monco, carente, mutilo, asfissiato, spianato, grigio. E, con lui, il piacere del passeggio, la qualità della vita, il godimento estetico dei cittadini.

Articoli correlati
Adotta una pianta!

Un polmone verde per far respirare Milano. Il 5 aprile nei pressi del Naviglio Grande sono state messe a dimora 700 piante, rigorosamente endemiche.

Claudio Abbado, Renzo Piano e gli alberi di Milano

Il progetto di Renzo Piano per il nuovo cuore verde di Milano era stato presentato con tanto di foto del sindaco Letizia Moratti accanto al maestro Claudio Abbado per presentare i 90 mila nuovi alberi. Quattro mesi dopo, si assiste a una sequenza di accuse reciproche e iniziative civiche.