Mangiate le zucche di Halloween: l’appello inglese contro lo spreco

Nel Regno Unito oltre 12 milioni di zucche finiscono nella spazzatura dopo i festeggiamenti di Halloween perché molte persone non sanno che sono commestibili.

Girare di casa in casa chiedendo “dolcetto o scherzetto?” è irrealizzabile durante le restrizioni legate al coronavirus, ma è probabile che le famiglie di tutto il mondo decidano comunque di festeggiare Halloween 2020 fra le mura domestiche. Fra decorazioni e travestimenti, non mancano le possibilità di celebrare la festa nata negli Usa che negli ultimi anni si è diffusa anche in Italia, soprattutto fra i più giovani. La zucca è fra i protagonisti di Halloween, ma sembra che in molti la utilizzino solo come oggetto decorativo, perlomeno nel Regno Unito. Un sondaggio condotto per conto dell’organizzazione di beneficenza Hubbub ha infatti scoperto che oltre 12 milioni di zucche ogni 31 ottobre vengono gettate perché molte persone ignorano che si tratti di ortaggi commestibili. Un vero e proprio spreco alimentare che ha stupito i media inglesi.

Le zucche e Halloween

La connessione fra zucca e festa del 31 ottobre si deve agli immigrati irlandesi in America e la tradizione di Jack o’lantern: così viene chiamata l’usanza di svuotare le zucche per inserire al loro interno una candela. Una faccia intagliata in superficie rende il tutto più spettrale e avvicina Halloween alle tematiche horror. Il fatto che le zucche vengano raccolte in autunno ha sancito l’unione fra questo ortaggio (in realtà il frutto delle piante Cucurbita) e la festa dedicata ai travestimenti. Eppure, nonostante sia coltivata in ogni parte del mondo, con la Cina a comandare la produzione mondiale seguita da India e Ucraina (Italia nella top ten delle nazioni produttrici al 2018), in molte persone, nel Regno Unito, non sanno che si tratta di un prodotto commestibile. Un dato sconfortante che non fa altro che incrementare il problema dello spreco di cibo mondiale, che vede un terzo di tutto il cibo prodotto per il consumo umano – circa 1,3 miliardi di tonnellate – inutilizzato, mentre ci sono 820 milioni di persone nel mondo che non hanno abbastanza da mangiare.

L’inchiesta del Guardian

“Cerchi una storia spaventosa per questo Halloween? Eccola qui: si prevede che 12,8 milioni di zucche non verranno mangiate, solo nel Regno Unito! Dopo averle intagliate, molte zucche vengono semplicemente gettate via. Il loro utilizzo come Jack o’lantern oscura il loro vero scopo: essere un pasto” scrive l’associazione Hubbub sul proprio sito. Come rivela il quotidiano inglese The Guardian, “i risultati del sondaggio, condotto su tremila cittadini britannici, suggeriscono che una persona su sette che celebra Halloween non considera le zucche come cibo, mentre solo il 42 per cento si rende conto che la polpa e i semi di una zucca sono commestibili”. In Italia, risotti, zuppe, torte salate e altre ricette da secoli sfruttano l’ortaggio come ingrediente principale per delle portate gustose. Perfino i semi vengono adattati a snack. Anche se i party saranno vietati il 31 ottobre 2020, è probabile che numerose abitazioni verranno addobbate con ornamenti horror e con zucche messe in bella vista negli spazi della casa. Ma il loro posto è sui fornelli. “Sappiamo che durante il lockdown molte persone hanno sviluppato un amore per la cucina, quindi stiamo esortando a sfruttare al meglio ogni parte di un alimento nutriente e versatile come la zucca” hanno spiegato i dipendenti di Hubbub. Grazie alla campagna informativa, si spera che i cittadini di tutto il mondo scoprano le qualità dell’alimento e l’auspicio è che quest’anno la creatività si sposti dall’intagliare le zucche al cucinarle.

Articoli correlati