Nissan Juke, addio diesel. L’ibrido entro il 2020

Fra i crossover più venduti del mercato, Nissan Juke sarà presto anche ibrido. Più leggero e connesso, per la prima volta rinuncia al diesel

In quasi dieci anni ha conquistato il segmento dei crossover compatti. Adesso, Nissan Juke torna rivisto e corretto. Sempre più connesso e tecnologico, per la prima volta rinuncia alla motorizzazione diesel. Ed entro l’anno avrà una versione ibrida plug-in. Poi, nuovo design, più qualità per gli interni e una maggiore abitabilità. Prezzi da 19.620 euro e prime consegne ai clienti da novembre.

Nissan Juke, per la prima volta anche ibrido plug-in

Le dimensioni sono cresciute, ma rimangono a misura urbana (4 metri e 21 la lunghezza). Più leggero (a favore di una riduzione di consumi ed emissioni), il crossover giapponese debutta con un efficiente motore “mille” benzina, 3 cilindri turbo, esempio virtuoso di quel “downsizing” che tende a ridurre la cilindrata dei motori e ad aumentarne l’efficienza. 117 cavalli la potenza, con cambio manuale o (la scelta più evoluta) un cambio automatico a doppia frizione a 7 marce. Il diesel? Scomparso dal listino. Al suo posto, entro un anno arriverà per la prima volta una versione ibrida plug-in che dovrebbe assicurare un’autonomia in modalità elettrica di circa 45 chilometri: il sistema offrirà la combinazione fra un motore benzina da 1,6 litri e due motori elettrici.

Su Nissan Juke per la prima volta non c’è un motore diesel. Entro un anno arriverà per la prima volta una versione ibrida plug-in con un’autonomia in modalità elettrica di circa 45 chilometri. ©Nissan
Su Nissan Juke per la prima volta non c’è un motore diesel. Entro un anno arriverà per la prima volta una versione ibrida plug-in con un’autonomia in modalità elettrica di circa 45 chilometri. ©Nissan

A un passo dalla guida autonoma

Su Nissan Juke debutta per la prima volta la tecnologia Pro Pilot, ossia quell’insieme di sistemi Adas che assistono il guidatore: sistema di frenata d’emergenza con riconoscimento di pedoni e ciclisti, rilevamento della segnaletica stradale, mantenimento della corsia, rilevamento posteriore degli ostacoli in movimento. Molto utile anche il sistema che segnala la presenza di ostacoli negli angoli ciechi e, se necessario, corregge in modo “attivo” la traiettoria dell’auto. La guida autonoma è sempre più vicina…

Nuovi materiali, più spazio e molta connettività. Nissan Juke adotta uno schermo touch da 8 pollici con la possibilità di avere il wifi a bordo. ©Nissan
Nuovi materiali, più spazio e molta connettività. Nissan Juke adotta uno schermo touch da 8 pollici con la possibilità di avere il wifi a bordo. ©Nissan

Cresce la connettività

Oggi la connettività in auto riveste un ruolo sempre più centrale. Grazie al nuovo sistema di infotainment con schermo touchscreen da 8 pollici, Nissan Juke fra le tante caratteristiche permette di accedere alle mappe TomTom con previsioni del traffico in tempo reale. Inoltre, è possibile da remoto azionare la chiusura delle portiere, controllare la pressione dei pneumatici e del livello dell’olio motore, l’accensione dei fari, oltre alla possibilità di inviare via smartphone la destinazione al navigatore di bordo.

Articoli correlati