Il racconto degli Eagles of Death Metal della notte di terrore al Bataclan

Il racconto della tragica notte del Bataclan, a Parigi, nella prima intervista ufficiale rilasciata dagli Eagles of Death Metal al magazine Vice.

La sera del 13 novembre, il gruppo californiano degli Eagles of Death Metal (Eodm) stava suonando al Bataclan, un locale per concerti storico di Parigi, costruito nel 1865 e con una capienza di circa 1.500 posti.

Quella sera, un gruppo di terroristi armati ha fatto irruzione nella sala cominciando a sparare all’impazzata uccidendo 89 persone tra spettatori e addetti ai lavori. Nei giorni subito successivi all’attacco, la band e il suo staff non avevano rilasciato interviste o dichiarazioni ufficiali. Poi è arrivata Vice, con il quale gli Eodm hanno collaborato diverse volte già in passato.

Parigi, Bono e gli U2 depongono fiori davanti al Bataclan, dopo la strage del 13 novembre 2015 avvenuta durante il concerto degli Eagles of Death Metal
Parigi, Bono e gli U2 depongono fiori davanti al Bataclan, dopo la strage del 13 novembre 2015. Foto by Jeff J Mitchell/Getty Images.

“Non vedo l’ora di tornare a Parigi, ho voglia di tornarci e suonare. Vogliamo essere il primo gruppo che suonerà alla riapertura del Bataclan perché ero lì quando è calato il silenzio”, ha dichiarato il frontman Jesse Hughes. Ecco il racconto integrale di quella notte di terroreIl video è sottotitolato in italiano.

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.

Matrimoni gay: i cittadini australiani hanno detto sì

La maggioranza della popolazione australiana ha votato in favore dei matrimoni fra persone dello stesso sesso, attraverso un referendum postale durato quasi due mesi. Il Primo ministro Malcolm Turnbull ha assicurato che la volontà dei cittadini verrà rispettata.

Fukushima, piantando i semi della rinascita

Abbiamo visitato Fukushima per parlare con chi sta lavorando per ricostruire la propria vita dopo il disastro dell’11 marzo 2011. Queste sono le loro storie, in un video reportage prodotto da LifeGate.