È morta Ruth Bader Ginsburg, giudice e paladina dei diritti delle donne

Ruth Bader Ginsburg, che ha lottato tutta la vita per l’emancipazione femminile, si è spenta a 87 anni. Resterà un simbolo per gli Stati Uniti e non solo.

Una supereroina con la toga. Ruth Bader Ginsburg, giudice della corte suprema statunitense dal 1993, è morta il 18 settembre a Washington all’età di 87 anni, dopo una lunga battaglia contro un tumore al pancreas.

“Il nostro paese ha perso una giurista di grandezza storica”, ha dichiarato John Roberts, giudice capo della corte suprema. “Era una paladina per l’uguaglianza di genere”, ha aggiunto Barack Obama, già presidente degli Stati Uniti.

“Per essere signore basta essere noi stesse”

Ginsburg era nata nel 1933 a Brooklyn, un quartiere di New York, da genitori ebrei emigrati dalla Russia. “Mia madre mi ha insegnato a essere una signora”, era solita raccontare. “Ma per lei essere una signora significava essere se stessa, e totalmente indipendente”. Un mantra che la figlia non ha mai smesso di ripetersi, riuscendo ad approdare alla prestigiosa università di Harvard per studiare legge, accusata di “aver occupato il posto di un uomo”, e facendosi largo fra migliaia di avvocati di sesso maschile fino a vedersi aprire le porte della corte suprema, diventando così la seconda donna della storia a ricoprire quel ruolo.

View this post on Instagram

Una supereroina con la toga. Ruth Bader Ginsburg, giudice della corte suprema statunitense dal 1993, è morta il 18 settembre a Washington all’età di 87 anni, dopo una lunga battaglia contro un tumore al pancreas. “Il nostro paese ha perso una giurista di grandezza storica”, ha dichiarato John Roberts, giudice capo della corte suprema. “Era una paladina per l’uguaglianza di genere”, ha aggiunto Barack Obama, già presidente degli Stati Uniti. Ginsburg ha lottato contro colleghi che non credevano che la discriminazione sessuale esistesse, portando avanti cause che hanno permesso di compiere grandi passi avanti nel percorso verso l’emancipazione femminile. Nel tempo, RBG è diventata una vera e propria icona, tanto che il suo volto e le sue citazioni sono stampati su tazze, magliette, gadget. Il suo ritratto è fra i tatuaggi più richiesti dagli studenti di diritto di Washington. Justice Ruth Bader Ginsburg, the demure firebrand who in her 80s became a legal, cultural and feminist icon, died Friday. The Supreme Court announced her death, saying the cause was complications from metastatic cancer of the pancreas. "Our nation has lost a justice of historic stature," Chief Justice John Roberts said. Architect of the legal fight for women's rights in the 1970s, Ginsburg subsequently served 27 years on the nation's highest court, becoming its most prominent member. Photo by Michael Loccisano/Getty Images. . . . #ruthbaderginsburg #RBG #women #womensrights #womenpower #empowerment #law #washington #dc #usa #unitedstates #america #donne #dirittidelledonne

A post shared by LifeGate (@lifegate) on

Una brillante carriera

Ha combattuto contro colleghi che non credevano che la discriminazione sessuale esistesse, portando avanti cause che hanno permesso di compiere grandi passi avanti nel percorso verso l’emancipazione femminile. Basti pensare che negli anni Sessanta le ragazze potevano essere licenziate perché aspettavano un figlio, mentre lo stupro da parte del coniuge non era considerato un reato perseguibile. Nel 1972 Ginsburg ha fondato il Women’s rights project, associazione chiave nella difesa dei diritti delle donne.

Ruth Bader Ginsburg
Ruth Bader Ginsburg insieme ai colleghi della corte suprema nel 2018 © Chip Somodevilla/Getty Images

Ruth Bader Ginsburg, icona di cui si sentirà la mancanza

Nel tempo, Ruth Bader Ginsburg – RBG – è diventata una vera e propria icona, tanto che il suo volto e le sue citazioni sono stampati su tazze, magliette, gadget. Il suo ritratto è fra i tatuaggi più richiesti dagli studenti di diritto di Washington, sede della corte suprema, dove migliaia di persone si sono radunate per lasciare fiori e biglietti.

“Il mio più fervente desiderio è di non venire sostituita fino a quando non si sarà insediato il nuovo presidente”, ha rivelato Ginsburg alla nipote prima di morire. Considerava l’attuale presidente Donald Trump “un impostore”. Lui potrebbe decidere di sostituirla con qualcuno che abbia idee molto più conservatrici.

A lei sono dedicati il documentario RBG e il film Una giusta causa. In mezzo alle proteste contro la discriminazione razziale, a meno di due mesi dalle elezioni, gli Stati Uniti come tutto il mondo avevano bisogno di una persona come lei. Ora quel che conta è che il suo messaggio non vada perduto e resti scolpito nei cuori di chi l’amava, oltre che sulla pelle dei giovani avvocati che continuerà ad ispirare per generazioni.

Articoli correlati