Spagna, il parco Coto de Doñana è salvo, il fiume non sarà dragato

Il governo spagnolo ha annunciato di voler rinunciare al progetto di dragaggio del fiume Guadalquivir, salvando così l’area umida del Parco Nazionale Doñana.

Il fiume Guadalquivir non sarà dragato, la ricchissima area umida del Parco Nazionale Doñana è salva, almeno per il momento. Lo ha annunciato il governo spagnolo tramite una relazione inviata all’Unesco nella quale sostiene che non autorizzerà le operazioni di dragaggio del fiume.

Fenicotteri rosa
Il vasto sistema di paludi e aree fluviali del parco ospita oltre 4mila specie di piante e animali e garantisce il benessere di 200mila persone che vi risiedono grazie alle attività di pesca, agricoltura, ricerca ed ecoturismo (Photo credit should read SAMUEL ARANDA/AFP/Getty Images)

Perché si voleva dragare il fiume

Il progetto di alterazione del corso d’acqua, secondo la denuncia del Wwf, impegnata da anni nella difesa del parco, “era stato pianificato per consentire il passaggio delle navi commerciali in questo tratto di fiume ma, dato il suo enorme impatto, avrebbe innescato l’iscrizione del Parco Nazionale di Doñana sulla lista Unesco del patrimonio mondiale in pericolo”.

Violazione delle norme comunitarie

Nel 2015 la Commissione europea aveva aperto una procedura di infrazione contro il governo di Madrid proprio per l’irregolarità del progetto. Le dichiarazioni del governo regionale andaluso e del governo centrale non sono però sufficienti a tranquillizzare il Wwf che chiede che questo provvedimento sia formalizzato con regolamenti e norme legali applicabili entro luglio 2017, in occasione della riunione del comitato sul Patrimonio mondiale.

La soddisfazione del Wwf

“Il Coto Doñana ha avuto una vera e propria sospensione della pena grazie alla decisione del governo spagnolo – ha dichiarato Juan Carlos del Olmo, direttore del Wwf Spagna. – Per 15 anni abbiamo lanciato l’allarme sui pericoli che queste operazioni avrebbero comportato per il parco, restano tuttavia ancora altri pericoli, tra cui l’uso illegale e non sostenibile dell’acqua da parte dell’agricoltura, l’estrazione mineraria e le operazioni legate all’estrazione di gas naturale”.

Uccelli di carta per protestare contro la distruzione del parco
Installazione di protesta del Wwf di fronte al Parlamento di Madrid per contestare il progetto di dragaggio del fiume Guadalquivir (Photo credit should read PIERRE-PHILIPPE MARCOU/AFP/Getty Images)

La ricchezza del Parco Nazionale di Doñana

Il Parco Nazionale di Doñana, poco distante da Siviglia, è costituito da una sconfinata palude e da interminabili canneti ed è uno dei migliori luoghi al mondo dove osservare gli uccelli migratori. Questa straordinaria zona umida, una delle più importanti del continente, ospita una ricchezza biologica impressionante: oltre 4mila specie di piante e animali. È possibile osservare, tra gli altri, fenicotteri, aironi e gru, è inoltre presente nel parco uno dei mammiferi più rari e minacciati del pianeta, la lince iberica (Lynx pardinus).

Articoli correlati