Eccolo! Il primo olio OGM al supermercato in Italia

Eccolo! Il primo olio OGM al supermercato in Italia

Lo ha scovato tra gli scaffali di un supermarket in Puglia un corrispondente di Greenplanet.net. E’ il primo olio di semi transgenico italiano, è “olio di soia geneticamente modificata e semi di girasole”, ed è in vendita, con la sua etichetta. E’ il primo olio Ogm che compare al supermercato. Ricordiamolo, in Italia sarebbe legale

“Contiene organismi geneticamente modificati…”

“Contiene organismi geneticamente modificati…”

Da oggi, 450 milioni di europei potranno trovarsi sotto gli occhi, al supermercato, la loro scatola di biscotti con una righina in più nella lista degli ingredienti. Potrebbe esserci scritto “contiene organismi geneticamente modificati” se c’è un ingrediente che è transgenico per più dello 0,9% o se deriva da OGM (oli, grassi, sciroppo di glucosio,

Il vademecum della Coldiretti per riconoscere i cibi ogm sugli scaffali

Il vademecum della Coldiretti per riconoscere i cibi ogm sugli scaffali

Gli OGM importati nel territorio dell’Unione Europea dovranno dunque essere identificati con un codice che sarà trasmesso dagli operatori lungo tutta la catena alimentare e la loro presenza negli alimenti dovrà essere indicata in etichetta se superiore allo 0,9% (0,5% per quelli in corso di autorizzazione), mentre non è ammesso alcun margine per gli OGM

Grano e pasta

Grano e pasta

E’ il simbolo della gastronomia italiana e un piatto forte della dieta mediterranea. La produciamo e la esportiamo in tutto il mondo, sappiamo cuocerla “al punto giusto”, condirla in un’infinità di modi e che con gli ingredienti adatti (verdure e proteine) diventa un ottimo piatto unico, testato negli anni dai nostri contadini. Ma c’è qualcosa,

Bibite alla frutta, ma solo sulla lattina

Bibite alla frutta, ma solo sulla lattina

La frutta c’è… solo nella foto e nelle immagini sull’etichetta. Davanti a una bibita “al gusto di arancia”, già siamo indotti a pensare che dentro ce ne sia un po’, di arancia. Se poi è di un bell’arancione, ancor di più. Se poi c’è anche una bella foto di un’arancia… sarà certamente aranciata. Invece no.

Addio aromi delle feste…

Addio aromi delle feste…

La constatazione è amara, anche se siamo in tema di dolci, dolciumi, feste appena trascorse, abbuffate luculliane ancora da smaltire. Abbiamo mangiato molto, troppo? Forse. Abbiamo mangiato molti, forse troppi, aromi artificiali? Sì. C’è un ingrediente che probabilmente non è mai mancato, sulle nostre tavole imbandite. Perché quando in etichetta si legge “aromi” tout court,

Il panettone, quello buono

Il panettone, quello buono

Signore incontrastato della tavola natalizia, il panettone, secondo un’antica leggenda, nasce da una storia d’amore. Altre fonti ne fanno risalire l’origine all’usanza di condividere, il giorno di Natale, un grande pane attorno a un tavolo… Sono due storie milanesi. La prima, ambientata nel 1490, narra dell’amore di un nobile, Ughetto della Tela, per la figlia

Acqua: chi vuole darcela a bere?

Acqua: chi vuole darcela a bere?

L’Italia è il primo paese al mondo per consumo di acqua minerale in bottiglia: ogni italiano ne beve all’anno 190 litri, spendendo in media mezzo milione di lire. Il giro d’affari è di 5.500 miliardi di vecchie lire, 700 dei quali reinvestiti in pubblicità. Sta di fatto che il business è grande, e l’autore Giuseppe

Ogm e etichetta dei dolci

Ogm e etichetta dei dolci

Una sempre più forte esigenza di mangiar sano, di scegliere gli ingredienti migliori, una sempre maggior diffidenza verso additivi chimici, OGM, aromi artificiali. Ecco ciò che comunicano le scelte, stampate in grande in etichetta, di alcuni grandi produttori di dolci. Basta un giro al supermercato, nel reparto biscotti. Balzano all’occhio, sul retro delle confezioni, i

Sport drink e bevande energetiche. Fanno  male? Ecco gli ingredienti

Sport drink e bevande energetiche. Fanno male? Ecco gli ingredienti

Si presentano con accattivanti pubblicità di performance sportive, bottiglie aerodinamiche, colori sgargianti e fosforescenti (dall’arancio al blu elettrico fino a un nuovissimo nero violaceo) sapientemente piazzate dagli esperti di product placement in ogni angolo degli scenari sportivi, in “gusti” fantasiosi. Sono le bibite inventate per lo sportivo, per chi si sente affaticato, per chi vorrebbe