Texas, una sparatoria in una chiesa battista provoca almeno 26 morti

Decine di morti in Texas dopo una sparatoria fatta con un’arma semiautomatica in una chiesa battista nel paese Sutherland Springs. Almeno 26 le vittime. L’uomo che ha aperto il fuoco è morto.

Un uomo ha aperto il fuoco domenica 5 novembre, intorno alle 11:30 ora locale, durante lo svolgimento di una messa nella chiesa battista di Sutherland Springs, nello stato del Texas, negli Stati Uniti. I morti sarebbero almeno 26, di età compresa tra i 5 e i 72 anni, decine i feriti secondo Ksat, il canale televisivo con sede a San Antonio, sempre in Texas. Secondo i testimoni sarebbero stati esplosi almeno una ventina di colpi d’arma da fuoco a breve distanza tra loro.

L’uomo, vestito completamente di nero e con un giubbotto antiproiettile, è stato trovato morto a bordo della sua automobile dopo essere stato inseguito da due uomini e non è chiaro se si sia tolto la vita o sia rimasto ucciso. La polizia lo avrebbe identificato in Devin Patrick Kelley, 26 anni, originario di una contea vicina alla chiesa e con esperienza da militare. Nel 2012 aveva scontato 12 mesi di reclusione in seguito alle accuse di violenza nei confronti della moglie e della figlia e che per lo stesso motivo era stato congedato dall’areonautica militare.

L’arma usata da Kelley nell’attacco è un fucile semiautomatico Ruger AR-15, molto simile a quello usato dall’esercito americano. Un’arma da fuoco che può essere comprata legalmente in quasi tutti gli Stati Uniti. Motivo per cui è uno degli stati al mondo dove si verificano più sparatorie in assoluto. Nonostante questo le leggi rimangono invariate creando una contraddizione difficile da capire per chi americano non è.

Leggi anche: Proviamo a capire il rapporto tra Stati Uniti e armi da fuoco, per quanto possibile

Il governatore del Texas Greg Abbott ha affermato durante una conferenza stampa che si tratta della “più grande sparatoria di massa nella storia del Texas”. “La tragedia è aggravata dal fatto che la sparatoria è avvenuta in una chiesa dove persone innocenti stavano pregando”.

During a news conference on Nov. 5, 2017, Texas Governor Greg Abbott said 26 people are dead after a gunman opened fire at a church in Sutherland Springs, a community near San Antonio. Abbott labeled the massacre at the First Baptist Church the largest mass shooting in the state’s history. “This will be a long, suffering mourning for those in pain,” he said. “Fathers, mothers, sons and daughters. The tragedy of course is worsened by the fact that it occurred in a church, a place of worship, where these people were innocently gunned down. We mourn their loss but we support their family members.” Authorities identified the suspected shooter as Devin Kelley; he died in the aftermath of the shooting, according to the nearby Guadalupe County Sheriff’s Office. Video source: CNN

Un post condiviso da TIME (@time) in data:

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha postato un tweet dal Giappone dicendo che sta monitorando la situazione e affermando di essere vicino alla popolazione di Sutherland Springs, un piccolo paese di 400 persone a 50 chilometri da San Antonio.

Trump ha anche dichiarato che si tratta di “un problema di malattie mentali, non di armi”: è una frase che ha già usato nel 2015, quando una giornalista e un operatore televisivo sono stati uccisi in diretta tv in Virginia. Eppure, a febbraio di quest’anno Trump ha approvato una legge che blocca il decreto del suo predecessore Barack Obama in base al quale l’agenzia per la previdenza sociale era tenuta a far sapere i nomi delle persone che ricevono sussidi per malattia mentale all’Fbi, che effettua i controlli di background su chiunque desideri acquistare un’arma. Questa strage si verifica a pochi giorni dall’attentato che ha colpito New York il 31 ottobre causando 8 morti.

Articoli correlati