Unequal Scenes. Le foto delle città tagliate in due dalle differenze tra ricchi e poveri

Fotografare le città del mondo dall’alto, per mostrare senza filtri le spaccature dovute alle disuguaglianze. Questo progetto si chiama Unequal Scenes.

Le disuguaglianze economiche possono essere misurate e argomentate in tanti modi. Ma, in un certo senso, nessun indicatore teorico può avere una forza espressiva paragonabile a quella di guardarle in faccia, queste differenze tra ricchi e poveri. Di vedere con i propri occhi come riescono a modificare le caratteristiche, le dinamiche e addirittura l’aspetto fisico dei luoghi in cui viviamo. È quello che si è proposto di fare Johnny Miller, un fotografo freelance che vive in Sudafrica, quando ha lanciato il progetto Unequal Scenes. Una rassegna di immagini delle città del mondo viste dall’alto, che – senza bisogno di troppe parole – dimostrano in maniera inequivocabile quanto siano profonde le divisioni tra persone che vivono a pochi chilometri, o addirittura a pochi metri, di distanza.

Leggi anche: World inequality report 2018. Cosa dice il rapporto completo sulla disuguaglianza nel mondo

Mumbai, India

mumbai, India
Una baraccopoli a Mumbai, India © Johnny Miller / Unequal Scenes

Mumbai è il centro economico e industriale indiano, affollato di grattacieli di lusso che sovrastano le baraccopoli, i cui tetti sono coperti di cerate blu nel tentativo di resistere alle piogge monsoniche. In un certo senso, spiega Miller, per l’emisfero meridionale del Pianeta è l’alternativa a Manhattan. Con tutte le contraddizioni che ne conseguono. Una tra tutte quella del nuovo aeroporto, il secondo più trafficato in India, che non può essere ampliato con una nuova pista perché è circondato da ogni lato dalle baraccopoli.

Leggi anche: 42 multimiliardari possiedono la stessa ricchezza di 3,7 miliardi di persone

Dar es Salaam, Tanzania

Dar es Salaam, Tanzania
Dar es Salaam, in Tanzania, è una delle città africane che hanno vissuto la crescita più rapida negli ultimi tre decenni © Johnny Miller / Unequal Scenes

Come si legge nel sito di Unequal Scenes, per decenni Dar es Salaam è rimasta in una posizione di secondo piano rispetto ad altri centri come la vicina Nairobi, perché l’amministrazione di stampo socialista puntava sullo sviluppo agricolo più che su quello urbano. A metà degli anni Ottanta, però, tutto è cambiato. Ora è la città africana che cresce più velocemente, tant’è che secondo le stime raggiungerà i 6,2 milioni di abitanti entro il 2025, con un aumento dell’85 per cento rispetto al 2010. Ma la geografia della città svela ancora molto del suo passato coloniale. I più ricchi vivono nelle zone di Masaki e Oyster Bay, tradizionalmente occupate da inglesi e tedeschi, circondate da insediamenti informali ed estremamente poveri.

Leggi anche: Un pugno di miliardari ha in mano il 99 per cento della ricchezza mondiale

Città del Messico, Messico

Città del Messico
Santa Fe, un distretto di Città del Messico © Johnny Miller / Unequal Scenes

L’immagine del quartiere di Santa Fe, a un primo sguardo, sembra quasi un collage di due foto scattate in posti totalmente diversi. Ma non è altro che il ritratto della capitale di un paese in cui, riporta Miller citando i dati Oxfam, l’1 per cento più ricco della popolazione si tiene per sé il 21 per cento del pil (prodotto interno lordo) nazionale.

Questa è soltanto una ristretta selezione delle immagini più forti, ma i canali ufficiali del progetto (sito, Facebook e Twitter) ne mostrano molte altre. Mettendo fianco a fianco metropoli ritenute prospere e benestanti, come Los Angeles e San Francisco, e le immense e confusionarie città nel cuore dell’Africa. Tutte accomunate, purtroppo, dall’incapacità di livellare le differenze e garantire un tenore di vita accettabile per ciascuno dei loro abitanti.

 

Foto in apertura © Johnny Miller / Unequal Scenes
Articoli correlati