Un’isola di plastica anche nel mar Tirreno

Tra la Corsica e l’Italia si forma regolarmente un’isola di plastica. Gli accumuli possono rimanere presenti anche per alcuni mesi.

La geografia del mar Tirreno sta cambiando per colpa della plastica. Tra la Corsica e l’isola d’Elba esiste infatti un nuovo lembo di “terra”. Un’isola di plastica, simile a quella presente da anni nel Pacifico, è stata infatti rintracciata in mezzo al mare.

“Enormi concentrazioni di plastica in precise zone, benché temporanee”

A riportarlo è l’emittente transalpina France Bleu, che cita François Galgani, dirigente dell’Ifremer (Istituto francese di ricerca sullo sfruttamento del mare) di Bastia. “La disposizione delle correnti provoca regolarmente delle enormi concentrazioni in precise zone”, ha spiegato l’esperto.

L’isola di plastica presenta un diametro di alcuni chilometri. E, in caso di venti provenienti dai quadranti settentrionali, i rifiuti arrivano in alcuni casi anche sulle spiagge della Corsica. A differenza di quanto accade nel Pacifico, però, i cambiamenti delle correnti fanno sì che il fenomeno non sia permanente. “Si tratta di zone di accumulo temporanee, visibili per periodi che possono andare da qualche giorno a qualche settimana. Soltanto in alcuni casi si arriva a due o tre mesi”, precisa Galgani.

rifiuti plastica spiaggia mare
Rifiuti di plastica su una spiaggia © Milos Bicanski/Getty Images

Si tratta in ogni caso di una situazione particolarmente inquietante. La presenza di plastica nei mari attorni all’Italia è tale da generare un impatto devastante sull’ambiente, sulla fauna marina e sulla catena alimentare. Nel giugno del 2018 Greenpeace aveva denunciato la presenza di tale materiale in un quarto di pesci e invertebrati del mar Tirreno.

Scopri LifeGate PlasticLess, un mare di idee contro un oceano di plastica

Ritrovato in Sicilia un capodoglio morto, con lo stomaco pieno di plastica

La notizia di un capodoglio ritrovato morto venerdì 17 maggio su una spiaggia di Cefalù, in Sicilia, non fa che confermare le dimensioni del problema.

Ad uccidere il cetaceo, lungo sei metri, è stata infatti, probabilmente, l’enorme quantità di plastica ritrovata nel suo stomaco. Secondo Carmelo Isgrò, del comitato tecnico-scientifico del museo della Fauna dell’università di Messina, “non ci sono altre ragioni che possano spiegare la morte”. L’animale aveva 6 o 7 anni, per una specie che può vivere anche 70 o 80 anni.

“Il mare ci invia un grido d’allarme, un sos disperato”, ha commentato Giorgia Monti, responsabile delle campagne marine di Greenpeace Italia. L’associazione ambientalista ha ricordato che quello di Cefalù non è il primo caso: “Sono spiaggiate altre cinque balene nel corso degli ultimi mesi”. In particolare, nel mese di marzo, un capodoglio era stato ritrovato in Sardegna con 22 chilogrammi di plastica nello stomaco.

Articoli correlati