Vitamina C: in quali alimenti si trova, a cosa serve, benefici e controindicazioni

La vitamina C (o acido aspargico) è importantissima per la salute. Ecco dove trovarla per poter godere di tutti i suoi benefici.

Cos’è la vitamina C (o acido ascorbico)

Tra le vitamine la vitamina C, o acido ascorbico, è quella più conosciuta per le sue numerose proprietà. Ha una attività antiossidante, che ostacola i nocivi radicali liberi che minacciano la salute delle cellule. Facilita l’assorbimento del ferro, fortifica le difese immunitarie, favorisce la formazione del collagene e la riparazione di ferite e scottature.

Le dosi minime raccomandate sono di 60 mg al giorno per gli adulti, che salgono a 80 mg per i fumatori.

Alimenti che contengono vitamina C

La natura è la migliore fonte di vitamina C. ©Ingimage
La natura è la migliore fonte di vitamina C. ©Ingimage

Le fonti sono numerose: agrumi, ribes, kiwi, fragole, meloni, patate, pomodori e ortaggi a foglia verde. Purtroppo è molto sensibile alla luce e al calore, pertanto frutta e verdura vanno consumati freschi e con cotture veloci.

Carenza di vitamina C

La vitamina C non viene immagazzinata nell’organismo, per questo se l’alimentazione non è adeguata si può andare velocemente in carenza. Gravi forme di carenza che portano alla scorbuto, come avveniva sulle navi nei secoli scorsi, non esistono più. Ma nei paesi occidentali sono stati segnalate carenze marginali; i sintomi osservati sono spossatezza, perdita dell’appetito, dolori muscolari, alterazioni del ritmo cardiaco.

Quali farmaci interagiscono con la vitamina C

Anfetamine, antidepressivi triciclici, anticoagulanti, contraccetivi orali, neurolettici, estrogeni, sono i farmaci che interagiscono con la vitamina C riducendone l’assorbimento. Sono particolarmente a rischio i fumatori e gli anziani. L’acido ascorbico è una vitamina sicura che non intossica anche se assunta in dosi elevate.

Articoli correlati
Rosa canina

“Un fiore che scintilla fra i cespugli come una stella preziosa”. Ha numerosi principi attivi ed è immunostimolante contro l’influenza e il raffreddore

Arancio dolce

Dissetante, vitaminizzante, sedativo, sono solo alcune delle proprietà dell’arancio dolce, pianta molto utilizzata nell’industria farmaceutica.