Il sole splende 5 volte sul Marocco

Entro il 2020 il Marocco si doterà di cinque nuovi impianti solari per la produzione di energia rinnovabile.

Il Marocco punta sul sole con cinque nuovi impianti solari che saranno costruiti entro il 2020.

 

L’obiettivo: da un lato ovviare alla scarsità di petrolio e incrementare la propria produzione di energia da fonti rinnovabili del 42 per cento entro la fine del decennio, dall’altro esportare questa energia verso la vicina Europa.

 

Il primo impianto fotovoltaico, “Nour 1”, costato oltre 900 milioni di dollari, sarà attivo già dal 2015 e sarà situato nella città meridionale di Ouarzazate, nella valle del Dadès, all’incrocio della valle del Draa (nella zona centrale del Marocco) a ridosso del deserto sabbioso del Sahara.

 

Il-sole-splende-5-volte-sul-Marocco_2

La valle di Dadès

La potenza totale delle cinque strutture che saranno installate nei prossimi sei anni sarà di 2.000 megawatt a fronte di un investimento complessivo di 9 miliardi di dollari. Il progetto è cofinanziato dalla Banca Mondiale, dalla Banca Africana di Sviluppo e dalla Banca europea per gli investimenti.

 

Il-sole-splende-5-volte-sul-Marocco_3

Esempio di utilizzo del deserto per mega impianti fotovoltaici, in California. Foto: ©Getty Images

A detta di Mustapha Bakkoury, il capo dell’Agenzia dell’energia solare del Marocco (MASEN) che ha annunciato la costruzione, alla potenza del sole si aggiungerà presto anche quella del vento. Per raggiungere l’incremento di produzione è infatti prevista una pianificazione, nel prossimo futuro, di una serie di parchi eolici da erigere lungo la costa atlantica.

Articoli correlati