Biden o Trump? Come funziona il voto negli Stati Uniti? Quando si sa il vincitore? Guida alle elezioni americane del 3 novembre per seguire la notte elettorale con LifeGate.

Per tutti gli aggiornamenti in tempo reale potete seguire il nostro liveblog.

Il 3 novembre 2020 è la data delle 59esime elezioni presidenziali nella storia degli Stati Uniti. I cittadini americani che hanno compiuto 18 anni sono chiamati a votare per eleggere il loro nuovo presidente che resterà in carica per i prossimi quattro anni.

A sfidarsi per la Casa Bianca sono l’attuale capo del governo Donald Trump, esponente del Partito repubblicano, e Joe Biden, candidato del Partito democratico. I vicepresidenti scelti dai due contendenti sono, rispettivamente, Mike Pence e Kamala Harris.

La redazione di LifeGate non vede l’ora di accompagnarvi in tempo reale durante la nottata elettorale, con esperti – guarda la playlist Elezioni Usa 2020 – desiderosi di commentare questo momento storico, reso quest’anno ancora più complesso dalla pandemia che stiamo vivendo e dalle riaccese tensioni razziali, e corrispondenti pronti a collegarsi live. Tutti gli aggiornamenti si possono seguire in diretta sul sito e sui nostri canali social.

Ascolta “L’elezione che può cambiare il mondo. O forse no” su Spreaker.

Elezioni Usa 2020, gli orari per monitorare la situazione in diretta

Ad eccezione di Dixville Notch, un villaggio nel New Hampshire che, per tradizione, apre le urne a mezzanotte, i seggi aprono tra le 5:00 e le 8:00 del mattino e chiudono fra le 18:00 e le 21:00 di sera. I primi a chiudere alle 18:00 sono Indiana e Kentucky, quando in Italia è mezzanotte. Il risultato definitivo, salvo interferenze, dovrebbe già essere noto verso le 23:00 (le 5:00 del 4 novembre in Italia), ma nel 2016 Donald Trump aveva potuto annunciare la vittoria solo verso le 2:30 (le 8:30 in Italia).

elezioni americane 2020, elezioni usa 2020, stati chiave, sondaggi, ultime notizie in diretta sugli Stati Uniti
L’alba sopra la Casa Bianca © Samuel Corum/Getty Images

Come funziona il sistema elettorale degli Stati Uniti

Quella del presidente degli Stati Uniti è un’elezione indiretta. I cittadini votano il candidato che preferiscono, ma il loro voto va in realtà ai cosiddetti grandi elettori che rappresentano il partito, il cui numero varia nei singoli stati a seconda della popolazione. Ad eccezione di Maine e Nebraska, che assegnano i propri delegati con un sistema proporzionale, negli altri stati il vincitore se li accaparra tutti, a prescindere dallo scarto con lo sfidante: un sistema che viene definito winner takes all. Per vincere ne servono 270 su 538.

Perché tanti americani hanno scelto il voto per posta

Negli States esiste anche l’early voting, ovvero la possibilità di votare in anticipo per posta o nei seggi aperti prima dell’election day. Questa modalità nel 2020 è stata scelta da quasi cento milioni di persone, specialmente a causa del coronavirus che ha colpito il paese a stelle e strisce più di qualunque altro. Donald Trump ha più volte criticato il voto per posta, minacciando di chiedere l’annullamento del risultato elettorale in caso di sconfitta.

Quali sono gli stati chiave e quelli in bilico

Gli stati chiave da tenere d’occhio nel 2020 sono gli stessi che avevano garantito la vittoria a Trump nel 2016: Michigan, Wisconsin e Pennsylvania. Gli stati in bilico sono, come da tradizione, Florida, Nevada e Ohio, insieme ad altri quattro tendenzialmente repubblicani che potrebbero però riservare delle sorprese: Arizona, Carolina del Nord, Texas e Georgia.

Elezioni Usa 2020, cosa dicono i sondaggi su Trump e Biden

In base ai sondaggi di Fivethirtyeight, un’agenzia che si concentra sulla politica, sull’economia, sullo sport ed è una delle fonti più autorevoli nell’ambito delle previsioni, Biden è in testa con una percentuale del 51,8 per cento, seguito da Trump con il 43,5. La vittoria del candidato democratico è prevista anche dalle proiezioni della stessa agenzia. Leggermente diversi risultano i pronostici di TradingView, attiva nel settore del trading e degli investimenti, ma comunque in linea.

Per cos’altro si vota il 3 novembre 2020

Parallelamente si tengono anche le elezioni parlamentari per rinnovare i membri della Camera dei rappresentanti, dove attualmente i democratici detengono la maggioranza, e di una parte del Senato, dominato al momento dai repubblicani.

Inoltre, si vota per eleggere i governatori di Delaware, Indiana, Missouri, Montana, New Hampshire, Carolina del Nord, Utah, North Dakota, Vermont, West Virginia, dello stato di Washington e dei territori di Samoa e Porto Rico. Infine, si eleggono i sindaci di moltissime città.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più