Marmellate e confetture, l’altra frutta

Marmellate e confetture, da spalmare sul pane e sulle crostate, ma anche da gustare con i formaggi o con stravaganti accostamenti salati. Ecco una selezione di ricette semplici e di sicuro effetto.

Confettura o marmellata?

Il termine marmellata indica un prodotto a base di agrumi ed è preparato con almeno il 20 per cento di frutta. Sono marmellate quelle d’arancia, limone, mandarino, clementino, pompelmo, cedro, bergamotto.

I prodotti ottenuti da tutti gli altri frutti (tranne appunto gli agrumi) sono confetture o confetture extra a seconda della quantità di frutta utilizzata e in base al tipo di lavorazione. È confettura quella preparata con almeno il 35 per cento di frutta; è confettura extra quella che ne contiene almeno il 45 per cento.

La prova del piattino

Serve a verificare se la preparazione è pronta per essere invasata. Si mette una goccia di marmellata al centro di un piattino e si lascia raffreddare un istante: se scivola in fretta ed è troppo liquida, occorre far bollire ancora per qualche minuto. Ripetere l’operazione fino a quando la goccia scenderà nel piattino lentamente.

Marmellate facili da cucinare: ecco le ricette

Fichi e rosmarino

marmellata-fichi-rosmarino

1 kg di fichi, 300 g di zucchero di canna integrale, 2 rametti di rosmarino, succo di 1 limone.

Sbucciare i fichi e tritarli. Versare in una pentola mezzo litro d’acqua con lo zucchero, portare a ebollizione fino ad ottenere uno sciroppo. Aggiungere i fichi, il rosmarino tritato e il succo di limone. Cuocere per circa mezz’ora, mescolando. Fare la prova del piattino per vedere se la marmellata è pronta e se lo è, riempire i vasetti già sterilizzati e asciutti. Chiudere bene e sterilizzare nuovamente in acqua bollente per mezz’ora. Ottima con i formaggi stagionati e spalmata, a colazione, sul pane tostato con un velo di ricotta.

Mele, lime e zenzero

marmellata-mela-zenzero

1 kg di mele renette sbucciate e senza torsolo, 300 g di zucchero di canna integrale, 3 lime (o 2 limoni), 3 cucchiaini di zenzero fresco grattugiato.

Tagliare le mele a pezzetti e metterle in una pentola antiaderente con lo zucchero, la scorza di uno dei lime, il succo di tutti e tre i lime e lo zenzero. Cuocere a fuoco lento e sciogliere lo zucchero, poi alzare la fiamma e portare a ebollizione. Far bollire, mescolando, finché la parte liquida si sarà ritirata. Abbassare al minimo e cuocere ancora per qualche minuto. A questo punto fare la prova del piattino. Versare nei vasetti sterilizzati e ben asciutti, chiudere e capovolgere per qualche minuto. Perfetta in abbinamento ai piatti di pesce azzurro o con la sogliola.

Uva nera e cannella

marmellata-uva-nera
Foto https://localkitchen.files.wordpress.com

1,2 kg. di uva nera, 50 cl di sciroppo di zucchero di canna, 2 bastoncini di cannella.

Lavare bene l’uva e sgranare gli acini. Passarli al passaverdura per eliminare i vinaccioli e la buccia. Mettere lo sciroppo di zucchero di canna e la cannella in una pentola bassa e larga con il fondo spesso. Far bollire per 5 minuti, quindi aggiungere l’uva e mescolare bene. Far cuocere per almeno 45 minuti a fuoco medio mescolando spesso con un cucchiaio di legno. Quando la confettura sarà diventata sciropposa, versarla nei vasetti sterilizzati, chiudere ermeticamente, capovolgere e lasciar raffreddare. Strepitosa con il caprino o la ricotta. Adatta alla cottura delle carni bianche.

Zucca e cardamomo

marmellata-zucca
Foto https://200birdies.files.wordpress.com

1 kg di zucca (meglio della varietà violina); 300 g di zucchero di canna integrale; scorza di 1 limone; 5-6 semi di cardamomo.

Sbucciare la zucca e tagliarla a pezzetti. Metterla in una pentola con 2 bicchieri d’acqua, lo zucchero, i semi di cardamomo ridotti in polvere e la scorza di limone. Cuocere a fiamma bassa mescolando continuamente, fino a quando lo zucchero si sarà sciolto. Continuare a cuocere per circa 40 minuti dopodiché fare la prova del piattino per verificarne la consistenza. Quando sarà pronta, passare al minipimer e invasare subito. Chiudere bene e capovolgere i vasi, avvolgerli in una coperta e lasciar raffreddare completamente. Da provare sui crostini o sul pane tostato, con il pecorino e in generale con i formaggi stagionati.

Articoli correlati
Biologico e salute, un binomio che convince

Il biologico è definitivamente uscito dalla nicchia: gli acquisti bio sono cresciuti anche nel periodo dell’emergenza coronavirus. Un riflesso del desiderio di un mondo più sostenibile, ma anche della consapevolezza di quanto il bio sia sicuro per la salute umana e dell’ambiente.