Speciale auto elettriche 2020: i modelli più interessanti. Parte seconda

Continua il nostro aggiornamento sulle novità 2020 più interessanti nel panorama delle auto elettriche. In questa seconda parte: Volkswagen ID.3, Porsche Taycan, Bmw iX3, Ford Mustang e molte altre.

Dopo avere analizzato nei giorni scorsi in profondità, e sotto più aspetti, i pesanti effetti che l’emergenza coronavirus ha già avuto sull’industria dell’auto, torniamo con questa seconda parte del nostro Speciale auto elettriche 2020 per raccontarvi uno scenario post-emergenza, quello in cui, seppur con nuove modalità, torneremo a muoverci, a viaggiare. Possibilmente sempre più a bordo di modelli elettrici. Sono molte le idee per il futuro prossimo e i modelli elettrici pronti a debuttare in questo 2020 (seppur con tutte le incertezze legate all’evolversi dell’emergenza sanitaria, che potrebbe veder posticipate le date di arrivo di alcuni modelli). Si comincia con le proposte di Bmw, la concept i4 e la più realistica suv elettrica iX3, e si prosegue con Volkswagen ID.3 e ID.4, Porsche Taycan, la prima Mazda elettrica e la suv Ford Mustang.

Bmw, dopo la i3, cresce la gamma elettrica

A rilanciare le proprie quotazioni sul fronte dell’elettrico è Bmw. Il marchio tedesco, dopo la i3, punta sulla famiglia “i”, quella che identifica i modelli completamente elettrici e presenta la nuova i4 Concept. Un antipasto di quello che vedremo l’anno prossimo. Quando la gran coupé, ossia la berlina a quattro porte, verrà lanciata ufficialmente sul mercato. La Bmw i4 Concept è equipaggiata con un powertrain capace di sviluppare 530 cavalli. Quanto basta per passare da 0 a 100 in 4 secondi, garantendo una velocità massima (presumibilmente autolimitata) superiore ai 200 km/h. Più rilevante l’autonomia che, nel ciclo di omologazione Wltp, ha fatto segnare quasi 600 chilometri. Il pacco batterie ha una capacità di 80 kWh, e ha un peso complessivo di 550 chili.

Leggi anche: Speciale auto elettriche 2020: i modelli più interessanti. Parte prima

iX3, arriva anche il primo Suv elettrico Bmw

La Casa bavarese ha in serbo per la fine dell’anno la nuova iX3. Si tratta della versione elettrica del diffuso Suv X3. Una vettura che non solo segna il debutto del costruttore tedesco in questo segmento di mercato, ma che propone un powertrain elettrico capace di 286 cavalli di potenza e 400 Nm di coppia massima. Il pacco batterie da 74 kWh assicura, stando all’omologazione, 400 chilometri di autonomia. Per quanto la configurazione estetica sia molto affine alla X3 tradizionale, sono diverse le modifiche stilistiche che ne hanno migliorato l’aerodinamica, aspetto fondamentale per ottimizzare l’efficienza della vettura. La iX3 è equipaggiata, tra gli altri, con delle particolari ruote che riducono del 5 per cento il coefficiente di resistenza rispetto ai cerchi ruota di una X3 convenzionale.

Volkswagen-ID.3
Volkswagen ID.3 nasce da una piattaforma dedicata, ed è già stata molto apprezzata nell’edizione limitata First Edition, ordinabile solo on-line. Quattro le varianti dell’elettrica tedesca disponibili, con potenze comprese tra 93 e 150 kW. ©Volkswagen

Leggi anche: Coronavirus, perché è a rischio l’industria globale dell’auto

Volkswagen, prima ID.3, poi ID.4, la rivoluzione si avvicina

Quest’anno avrebbe dovuto essere il tempo della rivoluzione elettrica per il Gruppo Volkswagen. Rivoluzione probabilmente posticipata causa emergenza coronavirus. Già prenotabile, la nuova ID.3 si prepara a rivestire un ruolo importante nella transizione elettrica del marchio, come ha fatto la Golf a suo tempo (di cui da tempo esiste anche una versione elettrica). ID.3 nasce da una piattaforma dedicata, ed è già stata molto apprezzata nell’edizione limitata First Edition, ordinabile solo on-line. Quattro le varianti dell’elettrica tedesca disponibili, con potenze comprese tra 93 e 150 kW, altrettanti i pacchi batterie con capacità rispettivamente di 45, 58 e 77 kWh. Numeri che consentono un’autonomia sino a 550 km. Il listino ufficiale della Volkswagen ID.3 elettrica non è ancora disponibile, ma la base di partenza si annuncia poco sotto i 30 mila euro. Dopo la ID.3, sarà la ID.4 ad allargare la presenza di VW nella mobilità elettrica. La base di partenza è la stessa di ID.3 che utilizza la piattaforma Meb destinata ai veicoli elettrici, solo che la ID.4 è più imponente, simile a un Suv. Costruita in Germania, nello stabilimento di Zwickau, fra i primi con un bilancio neutrale in termini di emissioni di CO2. L’autonomia elettrica del nuovo modello dovrebbe avvicinarsi ai 500 chilometri, con una versione a trazione posteriore e, successivamente, una a trazione integrale 4×4.

Audi, cresce la gamma e-tron

Audi procede a passo spedito verso il completamento della gamma e-tron. Ma in questo caso i toni sono decisamente più sportivi. La proposta riguarda le versioni S di e-tron e e-tron Sporback. I due Suv puntano molto sulle prestazioni, con versioni equipaggiate anche con 3 motori elettrici (due sull’asse posteriore e uno su quello anteriore), tanto che la potenza complessiva del sistema tocca quota 435 cavalli e 808 Nm di coppia motrice (503 cavalli e 973 Nm in modalità boost). Un aumento delle performance accompagnato da una caratterizzazione estetica dedicata, oltre che da una dinamica di guida ulteriormente esaltata dalla presenza del sistema Torque vectoring.

Leggi anche: Nissan Leaf compie 10 anni. La prova, il prezzo e tutti i dettagli della nuova versione da 62 kWh

Seat, Skoda e Vw: tre auto elettriche per la città

Per chi intende la mobilità elettrica soprattutto per la città, da valutare tre modelli molto simili e tutti appartenenti alla galassia VW: Volkswagen eco up!, Seat Mii Electric e Skoda CitiGOe. Si tratta di tre piccole cittadine elettriche. In comune hanno il pacco batterie agli ioni di litio da 32,3 kWh, che alimenta un motore elettrico da 61 kW. Una potenza più che sufficiente per passare da 0 a 50 km/h (il simbolico scatto in città) in poco meno di 4 secondi: l’autonomia si attesta per tutte intorno ai 260 chilometri. Il prezzo di partenza è similare, al di sopra dei 20 mila euro, da cui detrarre eventuali incentivi statali e regionali.

porsche_taycan
Tre le versioni della POrsche Taycan elettrica: 530 cavalli per la 4S, 680 per la Turbo e 761 cavalli per la Turbo S; mentre l’autonomia spazia da 407 a 463 chilometri. ©Porsche

Leggi anche: Nuova Renault Zoe, come è cambiata l’elettrica più venduta in Italia

Taycan, la risposta Porsche alla Tesla Model S

Il 2020 vedrà anche il debutto della prima Porsche elettrica, la Taycan, alternativa possibile alla Tesla Model S. Nonostante abbia mantenuto la denominazione tipica dei modelli a benzina del marchio, come 4S, Turbo e Turbo S, la berlina ad alte prestazioni di Zuffenhausen è 100 per cento elettrica. La differenza tra le varie versioni sta tutte nei livelli di potenza e nella capacità del pacco batteria: 530 cavalli per la 4S, 680 per la Turbo e 761 cavalli per la Turbo S; mentre l’autonomia spazia da 407 a 463 chilometri. La berlina coupé Porsche è dotata di una tecnologia che le consente di essere ricaricata da colonnine fast charge fino a 270 kW di potenza. I prezzi variano da poco meno di 110 mila euro, sino agli oltre 190 mila della Turbo S.

Hyundai, il futuro elettrico si chiama Prophecy

Hyundai, dopo il successo di Kona e Ioniq in versione elettrica, pensa al futuro con la concept Prophecy. Un prototipo, vero e proprio centro studio per il design di domani. Forme levigate e circolari, per una vettura che anticipa una potenziale ammiraglia. Ad oggi non sono state diramate specifiche di carattere tecnico. Nell’insolito abitacolo, dove si fa ampio ricorso ai display, manca il classico volante, sostituito da due joystick, uno tra i due sedili anteriori e uno sulla portiera del conducente, con i quali si dovrebbe manovrare l’auto.

mazda_mx-30
Curiosa l’apertura a libro delle porte della MX-30, la prima elettrica di Mazda. ©Mazda

Mazda lancia la sua prima auto elettrica

Si chiama Mazda MX-30 e, da programmi originali, dovrebbe arrivare dopo l’estate. E’ la prima elettrica della casa di Hiroshima: le linee da crossover e la caratteristica apertura delle portiere controvento la rendono decisamente riconoscibile. Per gli interni si è fatto ricorso a materiali come il sughero (raccolto senza abbattere alberi) e l’ecopelle, mentre i pannelli porta sono realizzati con bottiglie di plastica riciclata. La Mazda MX-30 adotta un pacco batterie relativamente compatto, per non aggravare eccessivamente il peso della vettura. La capacità è di 35,5 kWh, più che sufficienti per raggiungere la soglia dei 200 chilometri di autonomia. L’unità elettrica fornisce 143 cavalli di potenza. In Italia la MX-30 sarà disponibile con prezzi a partire da 34.900.

UX300e, nasce la prima elettrica Lexus

Dopo anni di tecnologia ibrida – di cui per anni è stata la massima esponente – per Lexus, brand premium di Toyota, è arrivato il tempo della mobilità elettrica. Il nuovo modello, un Suv-crossover, si chiama UX300e e in circa 4,49 metri di lunghezza propone una potenza di 204 cavalli con un pacco batterie da 54,3 kWh. Lexus garantisce per questo modello un’autonomia fina a 400 chilometri. Quanto al design, non ci sono particolari segnali che lo classifichino come veicolo elettrico. Poche le informazioni ad oggi; il crossover elettrico UX300e dovrebbe arrivare in Italia nel 2021.

Mustang, il suv sportivo (ed elettrico) secondo Ford

Il nome Mustang da ora non sarà più solo legato alle sportive e potenti coupé molto apprezzate soprattutto negli Usa. Perché da fine anno Ford ha deciso di introdurre sul mercato la nuova Mustang Mach-e. Suv sportivo ed elettrico. Proposta negli Stai Uniti con un prezzo poco sotto i 44 mila dollari, lunga 4,87 metri, la nuova Mustang Mach-e sarà proposta con una vasta scelta di trazione e capacità del pacco batterie. Il modello RWD, per esempio, ovvero quello con le sole due ruote motrici posteriori, può essere Standard range o Extended range: nel primo caso la capacità del pacco batteria è di 75,7 kWh, nel secondo di 98,8. La potenza è invece di 258 e 285 cavalli. Per i modelli con la trazione integrale 4×4 i motori elettrici sono due, con potenze che salgono fino a quota 337 cavalli. La Mustang Mach-e garantisce un’autonomia massima fino a 600 chilometri. L’abitacolo è caratterizzato dal grande display da 15,5 pollici, posto al centro della plancia, che segna il debutto della nuova generazione del sistema d’infotainment Sync. I prezzi in Italia, dove il debutto è atteso verso fine anno, partono da 49.900 euro.

Aiways, pronta la versione del Suv elettrico cinese U5

Concrete le novità che arrivano dalla cinese Aiways, pronta con la versione definitiva del Suv elettrico U5, prima auto elettrica del marchio ad essere lanciata in Europa. La vettura è equipaggiata con un’unità elettrica da 190 cavalli, mentre il pacco batteria fornisce una capacità di 65 kWh, assicurando un’autonomia di circa 460 chilometri. Fra le curiosità, la Aywais U5 punta molto sull’elettronica, con oltre dieci telecamere rese necessarie dai numerosi sistemi Adas di assistenza alla guida e di sicurezza. I prezzi non sono ancora stati ufficializzati, la data del debutto dovrebbe essere entro l’anno.

Peugeot, DS, Opel, Honda… Le altre elettriche del 2020

Il nostro Speciale auto elettriche si conclude con una carrellata di modelli, dei quali vi abbiamo già parlato e che vi riproponiamo qui in sintesi. Dai modelli elettrici del Gruppo Psa, Peugeot e-208 ed e-2008, Opel Corsa-e fino al crossover DS3 Crossback E-Tense (tutte accomunate dalla stessa unità elettrica da 136 cavalli, da oltre 300 chilometri di autonomia con prezzi inclusi fra 30 e 40 mila euro), alla metropolitana Honda e. che propone un’autonomia elettrica fino a 222 chilometri, con due livelli di potenza, 136 o 154 cavalli e prezzi a partire da 35.500 euro.

Foto in anteprima ©Ford/Mustang Mach-e
Articoli correlati